La conferenza stampa di Roberto Mancini alla vigilia di Polonia-Italia: “Ci giochiamo il secondo posto ma nel calcio non si sa mai”.

CHORZÓW (POLONIA) – Dopo l’amichevole contro l’Ucraina, per l’Italia di Roberto Mancini è arrivato il momento di fare sul serio. Terzo impegno in UEFA Nations League per gli azzurri che faranno visita alla Polonia: “In questo momento – dichiara il tecnico nella conferenza stampa di vigilia – il Portogallo è più forte. Noi ci giochiamo il secondo posto ma nel calcio non si sa mai“.

Sul bilancio – “Lo farò più avanti. Il nostro obiettivo resta la qualificazione all’Europeo mentre in Nations League volevamo fare bella figura. Ci vuole un po’ di tempo, devo riuscire a trovare il gruppo che può fare tante cose“.

Sulla formazione – “Bisogna migliorare in zona gol. Con l’Ucraina non abbiamo fatto male per 60 minuti e poi ho cambiato. Dobbiamo continuare per la nostra strada, una squadra non si costruisce in cinque partite“.

Su Immobile: “Sono contento se continua a segnare con la Lazio ma speriamo che li faccia anche con la maglia azzurra“.

Ciro Immobile (fonte foto https://www.facebook.com/NazionaleCalcio/)

Su Verratti: “Un giocatore come lui ci serve. Sono soddisfatto di come ha giocato a Genova ma ha bisogno di tempo per capire meglio la squadra“.

Polonia-Italia, la conferenza stampa di Giorgio Chiellini

Insieme a Roberto Mancini in conferenza stampa ha parlato anche Giorgio Chiellini: “Io vivo alla giornata. In questo gruppo ci sono tanti bravi ragazzi. Io non mi sento importante, vedremo quello che succederà più in là“.

Sulla Polonia: “Non è una finale ma sicuramente una partita importante per riacquistare un po’ di fiducia. La strada da fare per l’Europeo è ancora tanta“.

Sull’Ucraina: “Dispiace per il risultato e per non aver segnato almeno due gol. Comunque abbiamo giocato bene e sono soddisfatto“.

fonte foto copertina https://twitter.com/FIGC

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 13-10-2018


Mercato Inter, da giugno niente più Settlement Agreement: i tifosi già sognano

Milan, Materazzi parla di Gattuso: “Per me come un fratello”