Crisi di governo, Conte verso le dimissioni per la formazione di un terzo governo. E Italia Viva rientrerebbe nella maggioranza.

La crisi di governo potrebbe risolversi nelle prossime ore con le dimissioni del premier Giuseppe Conte e la formazione di un terzo governo guidato proprio dall’Avvocato del Popolo. Un terzo governo nel quale rientrerebbe anche Italia Viva di Matteo Renzi.

Crisi di governo, Conte verso le dimissioni per la formazione del terzo esecutivo

Il piano operativo è abbastanza lineare. Il Presidente del Consiglio dovrebbe rassegnare le dimissioni e farsi dare un nuovo mandato. A quel punto, con una crisi pilotata, quindi di rapida soluzione, si procederebbe con la formazione del Conte Ter, formato dalle stesse forze politiche del Conte Bis ma con una maggioranza allargata formata da centrodestra moderato. Nella sfera delle opposizioni i riflettori sono puntati si Forza Italia. Il timore del Centrodestra è che un gruppo possa staccarsi proprio da FI, andando a rafforzare la nuova maggioranza di governo.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il ritorno di Italia Viva nella maggioranza

Nella nuova formazione di maggioranza rientrerebbe di nuovo Italia Viva di Matteo Renzi. Un aspetto non da poco visto che Conte ha sbattuto la porta in faccia al senatore. Il passo indietro, che pure verrebbe presentato come un gesto di responsabilità, sarebbe evidente. Questo sempre che Renzi non spinga per cambiare nome a Palazzo Chigi. Oggettivamente cambiare premier sembra difficile. Conte è blindato dal Pd e dal Movimento 5 Stelle e tutti sembrano convinti che senza Conte la via da prendere è quella delle elezioni.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

I tempi della crisi pilotata

Se questa deve essere la strada, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte deve muoversi rapidamente e comunque deve rassegnare le dimissioni prima del voto in Parlamento sulla Giustizia. La relazione di Bonafede sembra destinata a non passare e la maggioranza si ritroverebbe sotto in Aula. A quel punto per Conte si farebbe meno agevole anche la strada che dovrebbe portarlo a guidare il terzo governo.

Senato
Senato

La posizione di Luigi Di Maio

Se anche Conte dovesse accettare il ritorno di Renzi resterebbe da chiarire la questione con il Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio ha espresso il proprio scetticismo circa la formazione del Conte 3 anche perché passerebbe comunque dal ritorno in squadra di Italia Viva, che lo stesso premier aveva escluso.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 25-01-2021


Elezioni in Portogallo, rieletto il presidente Marcelo Rebelo de Sousa

Chi è Giuseppe Conte: il curriculum, la carriera e la vita privata