La sfida Milan-Napoli che infiamma gli anni ’80 arriva al culmine nel 1990, sia per lo scudetto che per la Coppa Italia.

Il Milan di fine anni ’80 si arrampica fino sul tetto del mondo: dopo lo scudetto, la banda di Sacchi stravince la Coppa dei Campioni e poi si aggiudica la Coppa Intercontinentale. I rossoneri, nella stagione 1989/90 puntano a vincere tutto.

Ancora testa a testa

Come due stagioni prima si rinnova il duello Milan-Napoli. In campionato i rossoneri rimontano dopo un avvio complicato, duellando punto a punto con i partenopei.

Il cammino in Coppa Italia

Nella coppa nazionale il Milan inizia il proprio percorso a agosto: nel primo turno i rossoneri superano il Parma solo ai rigori. Una settimana più tardi è la rete nel finale di Massaro a eliminare la Cremonese. La Coppa Italia prevede successivamente dei mini-gironi: il Diavolo lo vince al cospetto di Atalanta e Messina.

La semifinale Milan-Napoli

Così, il 31 gennaio 1990 si gioca Milan-Napoli, semifinale d’andata. Gli uomini di Sacchi, privo dei tre olandesi, giocano la solita gara di gran ritmo e pressing ma lo 0 a 0 non si schioda, rimandando il discorso qualificazione al ritorno.

Rossoneri corsari al “San Paolo”

Il 14 febbraio, tre giorni dopo il 3-0 di San Siro in campionato, Milan-Napoli si ritrovano uno difronte all’altro questa volta in Campania. L’equilibrio si spezza al 44′: cross di Colombo, velo di Stroppa e destro vincente di Massaro. I rossoneri possono così amministrare il vantaggio e nella ripresa chiudono i conti con Van Basten, su rigore. Risponde Maradona sempre dal dischetto. Massaro scappa via in contropiede e fissa il 3 a 1 che vale la finale.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Coppa Italia 1990 maradona Massaro Napoli Tutto Milan van basten

ultimo aggiornamento: 29-01-2019


Serie B, i risultati della ventunesima giornata

Coppa Italia, Milan-Napoli: le probabili formazioni. Gattuso lancia Piatek, con Castillejo