Coronavirus, come cambiano le regole del coprifuoco dal 7 giugno: il divieto di circolazione slitta di un’ora. In zona Bianca scatta l’abolizione del divieto.

Dal 7 giugno cambiano le regole sul coprifuoco in Italia, con il divieto di circolazione che slitta di un’ora nelle regioni in Zona Gialla. Invece nelle Regioni in Zona Bianca (sette dalla giornata del sette giugno) il coprifuoco è abolito.

Coprifuoco a mezzanotte dal 7 giugno

Come previsto dal secondo decreto riaperture, dalla giornata del 7 giugno il coprifuoco slitta di un’ora. Il divieto di circolazione scatta quindi dalla mezzanotte e non più dalle ore 23. Così come stabilito con il decreto del 18 maggio, con il quale il governo ha fissato il calendario delle riaperture.

Roma
Roma

Le regole in zona Bianca

Regole diverse in zona Bianca. Per le regioni che si trovano in quest’area si procede con l’abolizione immediata del coprifuoco. Dal 7 giugno, alla luce dell’ultima ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza, sono in zona Bianca Molise, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Umbria e Liguria. Come pronosticato dal Professor Brusaferro, entro la metà del mese quasi tutte le regioni dovrebbero passare in zona Bianca. Il 14 giugno infatti dovrebbe essere il turno di Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia Autonoma di Trento. Il 21 giugno invece dovrebbero raggiungere il traguardo Sicilia, Marche, Toscana, Calabria, Campania e PA di Bolzano. Dovrebbe chiudere il quadro la Valle d’Aosta con il passaggio in zona Bianca nella giornata del 28 giugno.

Saluto con il gomito Coronavirus
Saluto con il gomito Coronavirus

L’abolizione del coprifuoco

Come stabilito dal decreto del 18 maggio, il coprifuoco sarà abolito a livello nazionale a partire dal 21 giugno, quando il divieto di circolazione sarà cancellato in tutta Italia.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 07-06-2021


Che zona è oggi? La nuova mappa dell’Italia

Italia, Save the Children lancia l’allarme: “Povertà educativa digitale in crescita, il 30 per cento non sa scaricare un file scolastico”