Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile di sabato 23 maggio

Coronavirus, 669 contagi in un giorno ma 441 sono in Lombardia

Coronavirus, il bollettino della Protezione Civile di sabato 23 maggio 2020: il trend si conferma stabile.

ROMA – Il bollettino della Protezione Civile di sabato 23 maggio 2020 sui numeri del coronavirus in Italia conferma un trend stabile nel nostro Paese anche se regionalmente si può segnalare un calo quasi ovunque con la Lombardia che in questa giornata ha registrato il 65,9% del totale.

L’incremento avuto in queste ultime 24 ore sarà valutato nei prossimi giorni dalle le autorità sanitarie con la provincia di Bergamo che ha avuto una crescita a tre cifre.

Coronavirus, il bilancio di sabato 23 maggio 2020

669 contagi, 119 morti e 2.120 guariti: è questo il bilancio comunicato dalla Protezione Civile in questo sabato 23 maggio 2020. I casi registrati sono in leggero aumento rispetto al giorno precedente anche se la crescita resta dello 0,3%. Invariato anche il rapporto tra tamponi fatti e malati trovati che resta allo 0,9% con un leggero decremento dei test rispetto al passato.

Diminuisce leggermente il numero dei decessi con il dato che dovrebbe consolidarsi nelle prossime settimane. E’ in calo, infatti, il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva con un decremento di 23 persone nelle ultime 24 ore. -262 i pazienti che hanno lasciato l’ospedale nell’ultimo giorno con il dato degli italiani in isolamento domiciliare che è diminuito di 1.285 unità. Il calo dei malati è stato pari a 1.570 persone.

Dati Covid 23 maggio
I dati del 23 maggio (fonte foto comunicato stampa)

Preoccupa la Lombardia

Preoccupa il leggero incremento della Lombardia. Sono 441 i contagi rilevati in Regione con 2mila tamponi in meno rispetto al giorno precedente. Una crescita che dovrà essere valutata nei prossimi giorni per capire se si è trattato di un fatto isolato oppure il virus è ritornato a circolare.

Nel resto dell’Italia l’aumento dei casi è stato ai minimi con la Provincia di Bolzano, la Calabria, la Sardegna, la Sicilia e la Valle d’Aosta che hanno registrato zero contagi. Fari puntati su quest’ultima regione che potrebbe essere la prima a raggiungere il numero zero dei malati in Italia.

fonte foto copertina comunicato stampa

ultimo aggiornamento: 24-05-2020

X