Coronavirus, i colori delle regioni da lunedì 31 maggio. Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna in zona bianca da martedì 1.

ROMA – Coronavirus, i colori delle regioni da lunedì 31 maggio. Il nuovo monitoraggio dell’Iss ha confermato un quadro epidemiologico in netto miglioramento come confermato dall’incidenza e dall’indice Rt, in calo. Questo porterà il ministro Speranza a firmare un’ordinanza con il passaggio in zona bianca di Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. L’entrata in vigore della nuova fascia dovrebbe avvenire da martedì 1 giugno anche se i governatori spingono per anticipare l’entrata in vigore alla giornata di lunedì. La scelta sarà fatta nelle prossime ore dopo un confronto con il Cts. Ecco tutti i colori da lunedì 31 maggio:

Zona bianca: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna

Zona gialla: Trento, Bolzano, Veneto, Piemonte, Lombardia, Ligura, Emilia Romagna Toscana, Lazio, Abruzzo, Umbria, Marche, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta

Brusaferro: “Incidenza in calo”

Il quadro in netto miglioramento è stato presentato anche dal presidente dell’Iss Brusaferro nella consueta conferenza stampa: “C’è un trend in decrescita in tutte le Regioni. Siamo a 47 casi su 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni rispetto ai 66 casi su 100mila abitanti di settimana scorsa”.

L’Italia – ha aggiunto l’esponente del Cts riportato dall’Adnkronosè in arancione nella mappa dell’Ue e avanti rispetto alla decrescita dei casi, che è in atto nei Paesi europei, ma l’Italia ha un aumento verso il basso dell’incidenza. Registriamo anche un abbassamento dell’età media e la variante Covid predominante continua ad essere quella inglese. La brasiliana ha superato il 7%, la sudafricana allo 0,35% e quella indiana all’1%“.

Coronavirus
Coronavirus

Speranza: “Con cautela possiamo guardare al futuro con più fiducia”

L’Ema – ha scritto sui social il ministro Speranza – ha autorizzato l’utilizzo del vaccino Pfizer dai 12 anni di età. Ora sarà possibile estendere la campagna di vaccinazione anche ai più giovani. E’ una novità importante, pensando anche alla riapertura delle scuole a settembre. Se continuiamo ad avere cautela, con il quadro epidemiologico che mostra segnali incoraggianti, possiamo guardare al futuro con più fiducia“.


Via libera dell’Ema al vaccino Pfizer per i ragazzi tra i 12 e i 15 anni

Incidente in montagna, snowboarder muore sul Monte Rosa