Chiusi i musei Ferrari a Modena e Maranello. La scuderia si adegua alle disposizioni delle autorità per contrastare l’emergenza coronavirus.

Il coronavirus ferma anche la Ferrari, che ha deciso di chiudere i Musei di Maranello e Modena andando ad adeguarsi quindi con le disposizioni delle autorità nazionali e locali.

Coronavirus, la Ferrari chiude i Musei di Maranello e Modena

L’annuncio della chiusura dei Musei Ferrari di Maranello e Modena è stato dato proprio dalla Scuderia che ha condiviso una nota con la quale ha annunciato la propria decisione.

“Ferrari ha definito delle misure precauzionali per la gestione dell’allerta in corso relativa al coronavirus. Come richiesto dalle Autorità locali i Musei di Maranello e Modena sono chiusi. La Società ha vietato l’accesso ai dipendenti che sono residenti o che hanno visitato le aree interessate dal contagio.

La Società ha inoltre sospeso fino a successiva comunicazione tutte le visite di esterni, inclusi i Factory Tour, così come tutti i viaggi di lavoro non strettamente necessari. La situazione è attentamente monitorata e verranno prontamente applicate e comunicate le nuove misure che si rendessero necessarie”.

Ferrari
fonte foto https://www.facebook.com/Ferrari/

Le ripercussioni sulla Formula 1

A proposito di Coronavirus, non si escludono ripercussioni sul campionato di Formula 1 ormai prossimo all’inizio. Al momento sono in dubbio tutte le gare ospitate da paesi alle prese con l’emergenza legata al COVID-19.

A rischio ci sono anche il Gp dell’Australia e e Vietnam. Il rinvio delle gare rappresenterebbe un problema difficile da risolvere per lo svolgimento del campionato. Il nodo principale è legato al calendario e alle poche date a disposizione per recuperare le gare.


Formula 1, Australia e Vietnam a rischio per il Coronavirus

Superbike, tutti i piloti al via