Coronavirus in Italia, il bollettino del 31 ottobre. Crescono leggermente i nuovi casi. Altre misure in arrivo?

ROMA – Coronavirus in Italia, il bollettino del 31 ottobre. Nuovo record di casi e di tamponi in un giorno nel nostro Paese. I nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore sono stati 31.758 a fronte di quasi 216mila tamponi. Numeri che hanno portato il rapporto tra positivi e test salito a 14,7% (venerdì era del 14,4%).

Una piccola frenata, rispetto ai precedenti giorni, che potrebbe essere portata dalle misure decise dal Governo nelle settimane scorse. Non è escluso, però, un nuovo dpcm nei prossimi giorni per cercare di rallentare ancora di più la corsa del Covid-19.

Coronavirus in Italia, i numeri del 31 ottobre

A preoccupare sono i decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati 297 i morti, dato più alto da diversi mesi. Resta stabile l’aumento della pressione sui servizi sanitari. Sono 972 i nuovi ricoveri ordinari (venerdì erano stati 1.030) mentre gli ingressi in terapia intensiva sono aumentati di 97 unità (95 il giorno precedente).

Per quanto riguarda le regioni, si registrano frenate in Umbria e in Veneto e accelerata in Campania e nella Provincia Autonoma di Bolzano. Nel resto del Paese i numeri restano abbastanza stabili, con la Lombardia che registra ancora una volta oltre 8mila positivi.

Dati Covid 31 ottobre
fonte foto comunicato stampa

Ancora proteste in Italia

Non si fermano le proteste nel nostro Paese. Nel pomeriggio di sabato 31 ottobre 2020 centinaia di persone si sono date appuntamento a Campo de’ Fiori per manifestare contro il dpcm.

Attimi di tensione con la polizia quando i dimostranti hanno cercato di lasciare la piazza romana per andare a protestare in corteo. La situazione è tornata alla calma dopo poco, con le forze dell’ordine che hanno reagito ai tentativi di rompere il cordone delle persone. Non sono stati registrati feriti o fermi.

Di seguito il video con gli scontri a Campo de’ Fiori

fonte foto copertina comunicato stampa


Prete ferito a colpi di pistola a Lione

Coronavirus, il Cts al Governo: “Lockdown provinciali e revisione del trasporto pubblico”