Coronavirus in Italia, il 7 ottobre diventa una data rossa: nel bollettino più di tremila nuovi casi e 31 decessi in 24 ore.

Il bollettino del 7 ottobre sulla diffusione del coronavirus in Italia non può non alimentare i timoni o comunque non può non suscitare delle riflessioni sull’andamento dell’epidemia nel nostro Paese. Con l’autunno iniziato da pochi giorni e le scuole riaperte solo da poche settimane, i nuovi casi aumentano in maniera esponenziale. Allarmante. E la domanda che tutti si pongono è una: siamo sulla strada che porta ad un nuovo lockdown?

Coronavirus in Italia, il bollettino del 7 ottobre

I dati del bollettino del 7 ottobre sono comprensibilmente allarmanti. Sono più di 3.600 i nuovi casi registrati, mentre è di 31 il numero delle persone decedute nelle ventiquattro ore. Aumentano anche le persone ricoverate con sintomi e i ricoveri in terapia intensiva. È bene specificare che i dati risentono anche di un elevatissimo numero di tamponi effettuati.

Persone che hanno contratto il virus: 333.940 persone (+3.678)
Deceduti: 36.061 (+31)
Ricoverati con sintomi: 3.782 (+157)
Ricoverati in terapia intensiva: 337 (+18)
Attualmente positivi: 62.576 (+2.442)
Guariti/dimessi: 235.303 (+1.204)

Coronavirus
Coronavirus

Stiamo andando verso un nuovo lockdown?

L’impennata di casi inevitabilmente lascia riemergere lo spettro di un nuovo lockdown a livello nazionale.

Il governo, stando alle parole dei diretti interessati, lavora giorno e notte per evitare una chiusura generalizzata che avrebbe effetti drammatici.

Al momento, quindi tra il 7 e l’8 ottobre, i dati sono preoccupanti ma non lasciano intravedere all’orizzonte la necessità di procedere con un nuovo lockdown. Non ci sono dubbi sul fatto che la situazione sia seria e preoccupante.

La conferma arriva dal ministro della Salute Roberto Speranza: “I numeri che arrivano ci dicono che siamo dentro una sfida enorme e che dobbiamo ragionare insieme su come affrontarla e vincerla. La situazione è seria e delicata“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca News primo piano Roberto Speranza

ultimo aggiornamento: 08-10-2020


Incidente Zanardi, due perizie: “Alex viaggiava a 50 km/h”. Per la famiglia ricostruzione differente

Coronavirus, il distanziamento (quasi) impossibile sui mezzi pubblici e nelle stazioni