Coronavirus in Italia, verso restrizioni nelle Regioni dove l’indice di contagio è superiore a 1: l’analisi di Walter Ricciardi.

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della salute per l’emergenza Covid, ha fatto il punto sulle richieste di nuove restrizioni proposte per frenare la diffusione del coronavirus in Italia.

Coronavirus, Ricciardi: “Abbiamo indicato chiusure mirate nelle regioni con altissima circolazione del Sars-Cov2”

Data la situazione molto grave di circolazione del virus, abbiamo indicato chiusure mirate nelle regioni con altissima circolazione del Sars-Cov2 finalizzate a consentire lo svolgimento delle attività scolastiche e produttive. Le chiusure, nelle zone dove l’indice di contagio è superiore a 1, dovranno riguardare punti di aggregazione come circoli, palestre, ed esercizi commerciali non essenziali. Mentre lo smart working dovrebbe diventare la forma ordinaria di lavoro in tutto il Paese. Punto cruciale è la sicurezza nei mezzi di trasporto pubblico e il loro rafforzamento“, ha dichiarato Ricciardi come riferito dall’Ansa.

Coronavirus

La strategia di contenimento non sta funzionando

Uno dei problemi sarebbe legato al fatto che le Asl non riescono a tracciare i contagi, facendo venir meno uno dei pilastri della strategia di contenimento del Covid.

“Le Asl non sono più in grado di tracciare i contagi, quindi la strategia di contenimento del virus non sta funzionando. Questo è dovuto a due fenomeni in atto in molte regioni. Il mancato o ritardato rafforzamento dei Dipartimenti di prevenzione e ai migliaia di focolai in atto. La situazione è molto grave, le regioni stanno andando verso la perdita del controllo dei contagi”.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca primo piano Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 16-10-2020


Scuole chiuse in Campania, protestano le mamme: “Il giorno più buio”

Omicidio Pamela Mastropietro, confermato l’ergastolo a Oseghale