L’Italia si prepara alla riaperture dopo settimane di restrizioni. Cosa riapre e quando, il programma del governo per la ripresa delle attività economiche e della vita sociale.

Dopo l’annuncio del premier Draghi e del ministro Speranza, tutti guardano il calendario in attesa delle prime riaperture ma spesso con un dubbio nella testa: cosa riapre e quando? Di fatto al momento la data certa è quella del 26 aprile, poi la situazione potrebbe cambiare di settimana in settimana andando a modificare l’agenda del governo. Nonostante ciò è possibile ricostruire una sorta di programma delle riaperture.

Mario Draghi
Mario Draghi

Cosa riapre e quando: il programma del governo sulle riaperture

Il 26 Aprile torna la Zona Gialla. Un Giallo rafforzato che prevede riaperture considerevoli soprattutto delle attività all’aperto. Proviamo a fare il punto della situazione sulle riaperture dal 26 aprile muovendoci per settori.

La discussione sul coprifuoco

In occasione della conferenza stampa del 16 aprile, il ministro Speranza ha confermato che dal 26 aprile il coprifuoco resta in vigore senza modifiche, quindi dalle 22.00 alle 5.00 del mattino seguente. Sulla questione c’è una discussione in corso all’interno della maggioranza, quindi non sono escluse novità in vista dell’approvazione del decreto.

Gli spostamenti tra le Regioni

Dal 26 aprile riprendono gli spostamenti tra Regioni di colore Giallo. Per gli spostamenti tra Regioni di colore diverso servirà un pass. Nel documento si registra l’avvenuta vaccinazione (nel caso in cui sia stato fatto il vaccino) o il risultato di un test molecolare o antigenico rapido. Ovviamente il risultato del test deve essere negativo.

Bar e ristoranti

Dal 26 Aprile bar e ristoranti con tavoli all’aperto potranno restare aperti sia a pranzo che a cena. Con la pubblicazione del nuovo decreto saranno chiare le regole anche in zona Arancione e in zona Rossa. In base alle indicazioni emerse, qui i locali dovrebbero rimanere chiusi al pubblico con la possibilità di effettuare consegne a domicilio e con la possibilità del servizio d’asporto.

La seconda data-chiave per bar e ristoranti è quella del 1 giugno, quando i locali con tavoli al chiuso potranno aprire le porte ai clienti ma solo per il pranzo. Anche quelle del 1 giugno sono riaperture che dovrebbero interessare solo i locali in zona gialla.

La riapertura della scuola

Dal 26 Aprile tutti in classe in zona gialla e in zona arancione: didattica in presenza al 100% per i ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado. In zona rossa tutti in classe fino alle medie e Dad al 50% per le superiori. Sostanzialmente il governo vuole regalare agli studenti una fine dell’anno scolastico in presenza. Dal punto di vista della didattica non cambieranno evidentemente le sorti dell’anno, ma dal punto di vista sociale e psicologico arriva una bella boccata d’aria per nostri giovani.

I cinema, i teatri e i musei, spettacoli e concerti

Con la reintroduzione della zona Gialla, quindi dal prossimo 26 aprile, musei, cinema e teatri riaprono i battenti. Sono consentiti gli spettacoli all’aperto e anche quelli al chiuso nel rispetto delle regole e dei protocolli. Negli impianti all’aperto potranno entrare, per assistere ad uno spettacolo o ad un concerto, 1000 persone. Negli impianti al chiuso l’accesso sarà consentito a 500 persone.

Sport

Dal 26 aprile riprendono gli sport di contatto anche all’aperto.

C’è grande attesa per il 1 maggio, quando sarà possibile tornare negli stadi e nei palazzetti, almeno nelle regioni in zona Gialla. Ovviamente gli ingressi saranno contingentati e controllati. Si autorizza l’accesso di 1.000 spettatori negli impianti all’aperto e di 500 negli impianti chiusi.

Altra data da segnare sul calendario è quella del 15 maggio, quando riaprono le piscine all’aperto.

Dal 1 giugno riprendono le attività legate alle palestre al chiuso.

La stagione balneare

Gli stabilimenti balneari riaprono il 15 maggio, data di inizio della stagione balneare.

Fiere, parchi tematici e stabilimenti termali

Le Fiere dovrebbero ripartire dal prossimo 1 luglio. Dalla stessa data riaprono gli stabilimenti termali e i parchi tematici.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Il decreto Maggio

Il programma del governo sarà almeno parzialmente messo nero su bianco al momento dell’approvazione e della pubblicazione del decreto Maggio, che a questo punto dovrà essere approvato e pubblicato prima del prossimo 26 aprile.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 18-04-2021


Coronavirus, Speranza firma la nuova ordinanza: i colori delle Regioni dal 19 aprile

Usa-Cina, impegno a cooperare sul clima. Si scioglie il più grande iceberg del mondo