Il ministro della Difesa Crosetto dichiara che la crisi tra Italia e Francia è già quasi rientrata e si intravedono segnali di pace.

Le tensioni con i francesi che si erano acuite negli ultimi giorni dopo la questione dell’incidente diplomatico sulla Ocean Viking sarebbe già rientrate. A dirlo è il ministro della Difesa Guido Crosetto al termine del consiglio Ue Difesa a Bruxelles. “Penso che la crisi con la Francia sia già quasi rientrata. Non ci sarà alcuna difficoltà per l’Italia, si è discusso su un tema. Succede nelle famiglie, succede nei condomini, succede anche ogni tanto fra Paesi di fare delle discussioni”.

Il ministro ha aggiunto che durante il Consiglio ha avuto anche un bilaterale con il collega francese, così come con quello greco e cipriota e ha assicurato un ottimo rapporto con il suo omologo. Sulla questione immigrazione Crosetto risponde in merito alla posizione del governo su una missione Sophia. “L’Italia pensa che il Mediterraneo sia un luogo da presidiare sempre meglio per l’importanza che ha: economica, strategica, da tutti i punti di vista”.

Guido Crosetto
Guido Crosetto

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“La nostra nazione vive più di ogni altra il Mediterraneo”

Crosetto precisa che “Noi siamo una nazione che più di ogni altra vive il Mediterraneo, qualunque missione europea o internazionale per la sicurezza del Mediterraneo, per noi è di vitale importanza”. In termini di sicurezza e di difesa parla anche del conflitto in Ucraina evidenziando che non si debba sottovalutare la Russia né la sua capacità di resistere nel tempo che è parte della storia della Russia.

Nell’ambito del sostegno all’Ucraina, il ministro fa sapere che l’Italia parteciperà alla missione di addestramento delle forze di Kiev. Per quanto riguarda la difesa europea, invece, Crosetto precisa che c’è stata un’evoluzione molto forte negli ultimi tempi, probabilmente accelerata dagli eventi. “Le situazioni di evoluzioni negative, pensiamo a quello che sta accadendo nei Balcani in questi giorni, possono scoppiare da un momento all’altro”, ha aggiunto il ministro. “Viviamo un tempo che nessuno poteva immaginare due o tre anni fa”.

Dopo il colloquio tra il presidente Mattarella e Macron insistendo sull’importanza delle relazioni tra i due paesi anche l’ambasciatore di Francia in Italia, Christian Masset, ha detto che sebbene ci sia un momento di tensione sul tema dell’immigrazione “anche se si tratta di un problema complesso è chiaro e semplice che la soluzione è nella cooperazione”, che vuol dire “solidarietà, responsabilità e rispetto del diritto. E come hanno detto i nostri capi di Stato, dobbiamo trovare tutte le condizioni per avere piena cooperazione in ambito bilaterale come in ambito Ue”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-11-2022


G20: Meloni un’ora di colloquio con Biden e poi Erdogan

Le deputate possono allattare i figli in Aula