Daily Mail – Sergio Aguero al Milan se Sanchez va al Manchester City

Dall’Inghilterra: il Milan pronto ad approfittare dell’effetto domino degli attaccanti: Mirabelli al lavoro per il grande colpo di gennaio.

chiudi

Caricamento Player...

Segio Aguero al Milan, si può! È una clamorosa girandola di attaccanti quella che sembra destinata a infiammare le prossime finestre di calciomercato: tra grandi esclusi e giocatori scontenti, sono tanti, anzi tantissimi gli attaccanti di grandissimo livello che cambieranno casacca dando vita a un effetto domino che rende possibile ogni scenari. Ma andiamo con ordine.

Primo nodo: Alexis Sanchez

Il primo nodo da sciogliere è quello legato al futuro di Alexis Sanchez: il giocatore, destinato a lasciare l’Arsenal, nelle ultime ore è stato accostato con insistenza al Manchester City, dove troverebbe un ambiente pronto a regalargli un posto in primo piano da protagonista assoluto. Il giocatore è in scadenza di contratto nel 2018 e i Gunners potrebbero cederlo già a gennaio per scongiurare il rischio di vederlo partire a costo zero.

arsenal alexis sanchez
arsenal sanchez

Manchester troppo piccola per Sanchez e Aguero: Milan alla finestra

L’eventuale (o probabile al momento) arrivo di Alexis Sanchez al Manchester City aprirebbe la questione Sergio Aguero, uno che non ama fare da secondo o da comparsa accontentandosi degli spiragli di campo e di gloria. Le recenti vicende parigine tra Cavani e Neymar hanno dimostrato che la convivenza tra le stelle non sempre è facile, anzi, e onde evitare di correre il rischio la dirigenza del City è pronta a fare spazio a Sanchez liberandosi proprio di Sergio Aguero, al momento infortunato in seguito all’incidente automobilistico che gli è costato la frattura di una costola e un mese di stop.

Massimiliano Mirabelli mercato milan
MASSIMILIANO MIRABELLI

C’è però un ostacolo considerevole che separa il Milan da Aguero: lo stipendio del giocatore, che al momento intasca una cifra vicina agli undici milioni di euro, soglia irraggiungibile per i rossoneri ma per gran parte del mondo del calcio. Tutto dipenderà dunque dalla voglia di mettersi in gioco del Kun, magari rinunciando a più della metà del suo ingaggio attuale.