I deputati del Pd disertano in massa il voto sul decreto Crescita: molti avrebbero lasciato la Camera per non perdere l’aereo. Ira di Nicola Zingaretti.

In occasione dell’approvazione alla Camera del Decreto Crescita, i deputati del Pd hanno disertato la votazione. Non si sono astenuti, non si sono proprio presentati in Aula. La denuncia arriva dalle colonne de il Fatto Quotidiano che, numeri alla mano, ha portato allo scoperto la fuga-per-il-fine-settimana.

Dl Crescita approvato alla Camera. assenti i deputati del Pd

Stando a quanto riferito da il Fatto Quotidiano, solo trenta dem si sono recati in aula per la votazione sul decreto Crescita, approvato e quindi rimandato al Senato per l’ultima discussione.

Camera dei deputati
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati

Nicola Zingaretti chiede spiegazioni

La vicenda non ha fatto piacere al neo Segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti che ha chiesto spiegazioni ai suoi. La notizia rappresenta ovviamente un discreto danno di immagine per i dem che hanno fatto la figura di quelli poco interessati alle vicende del paese.

Altre urgenze? Secondo Scalfarotto, citato sempre da il Fatto Quotidiano, molti avrebbero lasciato la Camera prima della votazione per non perdere l’ultimo aereo utile per lasciare Roma nella giornata di venerdì.

Nicola Zingaretti
fonte foto https://www.facebook.com/nicolazingaretti/

Il Pd diserta il voto

Dopo aver osteggiato e criticato in ogni modo il decreto Crescita, i deputati del Partito democratico hanno abbandonato l’Aula proprio al dunque saltando la votazione. Anche se fossero stati tutti i dem non avrebbero bloccato il decreto, ma almeno avrebbero mandato un messaggio alla maggioranza di governo. E soprattutto agli elettori.

Va detto per correttezza di informazione che la votazione è stata posticipata diverse volte ed è arrivata solo dopo che il governo ha posto la fiducia fissando poi la votazione al 21 giugno.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 23-06-2019


I romani non vogliono la Raggi. E la Lega sorride…

Salvini, nuova sfida all’Europa (e ai Cinque Stelle): “Basta sangue all’Ue”