Il Governo ha dato il via libera al decreto sulla sicurezza sul lavoro. Ecco cosa prevede la misura approvata in Cdm.

ROMA – Il governo interviene sul tema spinoso della sicurezza sul lavoro con un decreto approvato in Cdm nella giornata del 15 ottobre. Dopo l’accordo con i sindacati, il premier Draghi ha convocato il Consiglio dei ministri e fatto il primo passo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Cosa prevede il decreto sulla sicurezza sul lavoro

Entrando nei dettagli del decreto, il Governo ha deciso di mettere in campo un provvedimento che porterà alla sospensione dell’attività in caso di una presenza di lavoratori in nero superiore al 10% del totale (prima il limite era del 20%) oppure con violazioni alle norme di sicurezza.

Si procederà anche a potenziare i controlli. Per farlo si è deciso di accelerare con le assunzioni all’Ispettorato nazionale del lavoro ma anche per il reclutamento nelle Asl. Sono previste 2mila unità in più entro il 2021, con altre mille che dovrebbero essere inserite nel 2022. Il coordinamento sarà affidato all’Ispettorato ed è pronta anche una Banca dati unica che farà parlare i database di Inps, Inail e Asl.

Tutte le misure

Le misure contenute nel decreto sono illustrate nel comunicato pubblicato sul sito del governo al termine del Consiglio dei Ministri

Lavoro nero, più bassa la soglia per la sospensione dell’attività imprenditoriale

Cambiano anche le condizioni necessarie per l’adozione del provvedimento cautelare della sospensione dell’attività imprenditoriale interessata dalle violazioni: 10% e non più 20% del personale “in nero” presente sul luogo di lavoro. Non è più richiesta alcuna “recidiva” ai fini della adozione del provvedimento che scatterà subito a fronte di gravi violazioni prevenzionistiche. La nuova disciplina del provvedimento cautelare prevede altresì l’impossibilità, per l’impresa destinataria del provvedimento, di contrattare con la pubblica amministrazione per tutto il periodo di sospensione.

Violazione norme sicurezza, al via l’inasprimento delle sanzioni

Nel caso in cui vengano accertate gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro, è prevista – come detto – la sospensione dell’attività, anche senza la necessità di una reiterazione degli illeciti. Per poter riprendere l’attività produttiva è necessario non soltanto il ripristino delle regolari condizioni di lavoro, ma anche il pagamento di una somma aggiuntiva di importo variabile a seconda delle fattispecie di violazione. L’importo è raddoppiato se, nei cinque anni precedenti, la stessa impresa ha già avuto un provvedimento di sospensione.

Di seguito il comunicato pubblicato sul sito del governo.

Operai Lavoro
Operai Lavoro

In futuro altre misure a tutela dei lavoratori

Questo è solo un primo passo a tutela dei lavoratori. La discussione con i sindacati è ancora aperta e in futuro non si escludono altre misure. Si tratta di provvedimenti necessari per cercare di mettere definitivamente fine a queste tragedie che negli ultimi tempi stanno diventando all’ordine del giorno.

I primi risultati di queste misure dovrebbero esserci già nei prossimi mesi e la speranza da parte del Governo è quella di prevenire con maggiori controlli l’eventuale mancato rispetto delle norme di sicurezza e quindi riuscire a mettere la parole fine alle morti bianche.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

governo Draghi

ultimo aggiornamento: 15-10-2021


Ecobonus, congedi, quarantena e Reddito di Cittadinanza: cosa prevede il decreto Fisco

Imboscata contro il Reddito di Cittadinanza, Conte: “Salvini e Meloni si battono contro gli aiuti per chi è senza lavoro”