La demolizione dell’auto avviene secondo procedure specifiche, ma lato guidatore come bisogna comportarsi? Ecco tutte le informazioni!

Cosa succede alla nostra vecchia auto quando decidiamo di volerla cambiare e prenderne una nuova? Ci sono diverse ipotesi: la prima è che essa diventerà di seconda mano nelle mani del concessionario a cui l’abbiamo data; la seconda è che dovrà essere rottamata. In quest’ultima ipotesi avverrà la demolizione dell’auto perché essa non ha più margine per essere rivenduta (complice i molti anni di immatricolazione o l’usura dovuta ai molti chilometri percorsi) e si procederà con la rottamazione del veicolo. Ecco quali sono le informazioni da conoscere quando ci si appresta a compiere questa operazione!

Rottamare l’auto: cosa bisogna sapere

L’ACI (Automobile Club d’Italia) offre delle informazioni utili al guidatore o l’utente di un’autovettura se la vuole rottamare. Prima di tutto è bene sapere che per demolire un’auto bisogna rivolgersi a centri specializzati nello smaltimento e nella rottamazione, oppure consegnare il veicolo nelle mani di un concessionario, automercato o succursale che si occuperà delle pratiche per la demolizione.

Esiste una procedura che deve avvenire entro 30 giorni dalla richiesta di demolizione che porta l’auto a essere rottamata. Ovvero il centro di smaltimenti o la concessionaria, nell’arco di questo tempo, devono provvedere alla cancellazione del veicolo dal Pubblico Registro Automobilistico presentando la richiesta di cessazione della circolazione per demolizione.

Un’eccezione c’è quando un veicolo è sottoposto a fermo amministrativo. In questo caso bisogna eliminare questo fermo dal PRA, pagando i dovuti tributi del caso, e poi procedere con la demolizione. Si consiglia di richiedere una visura dello storico di un’auto per stabilire, prima di avanzare la richiesta di demolizione, se è stata sottoposta a fermo amministrativo.

Demolizione auto
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/scrapyard-riciclaggio-discarica-70908/

Come demolire un’auto: la procedura pratica

Per avanzare richiesta al centro specializzato o alla succursale, concessionario e simili di demolizione bisogna munirsi dei seguenti documenti e oggetti:

-la carta di circolazione
-il certificato di proprietà cartaceo (o in alternativa il documento di unico di circolazione e proprietà)
-le targhe

In caso il certificato di proprietà sia digitale, chi si occuperà delle demolizione è autorizzato a procedere digitalmente quando si approccia al Pubblico Registro Automobilistico.

Quando il concessionario o simili, o anche il centro di smaltimento, ritirano il veicolo per la rottamazione hanno l’obbligo di fornire al proprietario dell’auto il certificato di rottamazione, che comprende le seguenti informazioni:

-nome e cognome del proprietario
-indirizzo del proprietario
-numero di registrazione e la firma del titolare dell’impresa che rilascia il certificato
-l’autorità competente che ha rilasciato l’autorizzazione all’impresa
-la data e l’ora di rilascio del certificato e la data e l’ora di presa in carico dell’auto
-l’impegno a provvedere alla richiesta di cancellazione dal Pubblico Registro Automobilistico
-Gli estremi di identificazione del veicolo, i dati personali e la firma del soggetto che effettua la consegna del veicolo

Con questo certificato, il proprietario del veicolo viene sollevato dalla responsabilità civile e penale che comporta il possesso di quest’ultimo, e la cancellazione dal PRA del suddetto fa sì che la tassa automobilistica annuale, ovvero il bollo auto, non deve essere più pagato dal detentore del mezzo.

Bisogna inoltre prestare attenzione a farsi consegnare il certificato di rottamazione da chi la esegue e rivolgersi a un centro di smaltimento autorizzato che rilasci il suddetto.

Come rottamare un’auto: i costi

Per quanto riguarda i costi, il possessore del veicolo deve pagare i costi per cancellazione al PRA e quelli per il trasporto al centro di raccolta e smaltimento e autorizzazione, oppure al concessionario in caso si scelga questa ipotesi.

I costi, quindi, da pagare sono quelli relativi all’emolumento ACI, con un importo di 13.50 euro, e spese di imposta di bollo, con un importo di 32.00 euro più 1,78 euro di versamento postale.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/scrapyard-riciclaggio-discarica-70908/

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
approfondimento

ultimo aggiornamento: 18-12-2020


Morto a 17 anni Sebastian Fortini, giovane promessa del Motocross

Spostamenti e shopping, le misure del Comitato nazionale ordine e sicurezza