Luigi Di Maio nella bufera: il ministro degli Esteri è a mare durante la spinosa crisi che ha investito l’Afghanistan.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è finito nella bufera per gli scatti che lo ritraggono a mare in Salento mentre l’Afghanistan cade in mano ai talebani, che hanno ripreso il Paese dopo una rapida avanzata.

Crisi in Afghanistan, Luigi Di Maio a mare

Le immagini mostrano il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a mare a Porto Cesareo insieme con la compagna Virginia Saba, Francesco Boccia, la moglie, Michele Emiliano e la compagna Elena Laterza. Immagini che mostrano un Di Maio sereno durante la vacanza della politica. E non si esclude che si sia parlato di politica. Solo che negli ultimi giorni e nelle ultime ore a tenere banco non è la politica italiana ma l’emergenza Afghanistan, che richiede il massimo impegno della Farnesina.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Boschi: “Deve lasciare immediatamente la spiaggia e venire in Parlamento”

Facile immaginare come il popolo della rete e gli avversari politici abbiano criticato aspramente Di Maio, che guida il Ministero più importante in questo periodo caratterizzato dalla crisi afghana: il Ministero degli Esteri.

Dure le parole di Maria Elena Boschi, che ha attaccato Di Maio con un post condiviso sul proprio profilo Twitter: “Quello che accade a Kabul non riguarda solo le nostre sorelle afghane. Riguarda tutti e tutte noi. Il ministro degli Esteri deve lasciare la spiaggia e venire in Parlamento per una informativa urgente. È in gioco la vita di milioni di persone ma anche la dignità dell’Occidente“.

Ironico invece Carlo Calenda, che esulta per l’assenza di Di Maio: “Ma meno male che questo trust di cervelli è al mare nell’impossibilità di fare danni. Sono i benefici del Ferragosto. Lasciamo le cose come stanno“.

primo piano

ultimo aggiornamento: 16-08-2021


Chi è Baradar, il leader dei talebani liberato nel 2018 su richiesta degli Usa

Biden ‘scarica’ l’Afghanistan: “Non volevamo costruire uno Stato democratico, volevamo combattere il terrorismo”