Diverse le reazioni del mondo politico e non solo sulla Giornata della Memoria. Il premier Conte su Twitter: “Comprendere è impossibile, conoscere necessario”.

ROMA – Il 27 gennaio in Italia e non solo ricorre la Giornata della Memoria. Su Twitter il premier Conte ha voluto esprimere il suo pensiero su questo giorno in ricordo degli abbattimenti dei cancelli di Auschwitz: “Se comprendere è impossibile – scrive il presidente del Consiglio – conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare. Nella #GiornatadellaMemoria voglio ricordare con le parole di Primo Levi le vittime della Shoah. Una pagina orribile dell’umanità, un crimine folle che non dobbiamo dimenticare“.

Il tweet del premier Conte sulla Giornata della Memoria

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Anche il Papa sui social ha voluto esprimere il suo pensiero su questa giornata: “Non dimentichiamo – scrive il Pontefice – le vittime dell’Olocausto, la loro indicibile sofferenza continua a gridare all’umanità: siamo tutti fratelli“.

Giornata della Memoria 2019, il presidente Fico: “Dobbiamo impegnarci a contrastare chi alimenta l’odio antisemita”

Nella Giornata della Memoria il presidente della Camera, Roberto Fico, ha voluto lanciare un messaggio a tutti gli italiani: “La memoria – scrive in una nota riportata dall’ANSAè un dovere verso tutte le vittime e i sopravvissuti, ma è soprattutto un impegno morale e civile, reso urgente innanzitutto dal fatto che ancora oggi ci troviamo di fronte a focolai di antisemitismo. La Shoah ha combinato il delirio razzista, una pianificazione burocratica e un’efficienza criminale uniche nella storia del nostro continente. Un piano criminale di cui fu vittima il popolo ebraico, unitamente a tante altre razze che non rispondevano ai canoni di purezza“.

Roberto Fico

Oggi – sottolinea Fico – abbiamo il compito di ribadire come Repubblica e Costituzione nascano dalla Resistenza e dall’Antifascismo, oltre che dall’affermazione di principi e valori fondamentali che hanno come obiettivo di non far ripetere quanto successo in precedenza. Dobbiamo impegnarci ogni giorno per contrastare chi alimenta l’odio antisemita e, in generale ogni forma di odio e discriminazione basata su tenia, religione e orientamento sessuale“.

Memoria – conclude Fico – non è solo una parola ma un impegno che ci vede tutti coinvolti in quanto cittadini e comunità”.

fonte foto copertina https://twitter.com/MarioGuglielmi


Gli vietano l’ingresso in discoteca: sale in macchina e investe i buttafuori

Napoli, esponenti dei centri sociali fanno irruzione alla Scuola della Lega