Il commissario Juncker ritorna a parlare della Brexit: “Non c’è possibilità di un nuovo accordo. Quello trovato è l’unico possibile”.

LONDRA (INGHILTERRA) – La premier britannica Theresa May prende tempo sulla Brexit ma dall’Unione Europea non aprono ad un possibile confronto per un nuovo accordo. “L’unico possibile – conferma Juncker riportato da Sky TG24è quello che abbiamo trovato e non c’è possibilità di trattare un negoziato diverso“.

Questa sera – conferma il commissario da Bruxelles – incontrerò Theresa May ma i discorsi non verranno riaperti“. Juncker ritorna anche sulla questione Irlanda: “Nel prossimo Consiglio parleremo anche della Brexit. Sono un po’ sorpreso perché non mi aspettavo questi problemi. L’ostacolo resta il backstop sull’Irlanda. Noi possiamo anche non usarlo ma averlo a disposizione è fondamentale perché non abbiamo intenzione di lasciare solo il Paese“.

Juncker
Jean-Claude Juncker (fonte foto:https://www.facebook.com/JunckerEU/)

Brexit, Italia e Francia contro la May: “Non è possibile cambiare l’accordo trovato”

Sulla vicenda della Brexit è intervenuto anche il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani: “Ricevere la May fa piacere ma non possiamo cambiare un accordo che ormai è stato trovato. Noi siamo schierato sulle stesse posizioni di prima“.

Linea dura anche da parte della Francia. “Questo accordo – dichiara il ministro francese Nathalie Loiseauè l’unico possibile e noi abbiamo fatto molto per cercare di aiutare Londra. C’è un po’ di preoccupazione anche se la speranza di un sì della maggioranza è ancora viva. Noi come Europa dobbiamo essere pronti ad una mancata intesa perché questo rischio è serio. Il Parlamento francese ha votato un progetto di legge per cercare di non farci sorprendere in caso di fumata nera“.

L’Unione Europea non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro sulla Brexit. L’accordo trovato è l’unico possibile anche se la premier May farà di tutto per provare a riaprire il discorso.

fonte foto copertina https://twitter.com/10DowningStreet


Global Compact, c’è il sì di 164 paesi. Italia in bilico

TIME, i giornalisti in pericolo sono le persone dell’anno