Sebastian Kurz si è dimesso da cancelliere dell’Austria. Al suo posto il ministro degli Esteri Schallenberg. Le opposizioni promettono battaglia.

VIENNA – Sebastian Kurz si è dimesso da cancelliere dell’Austria. Dopo l’indagine per favoreggiamento della corruzione, il leader del Partito popolare ha deciso di fare un passo indietro dal governo nazionale, ma continuerà a mantenere il ruolo di capogruppo della sua forza politica.

Al suo posto è stato nominato il ministro degli Esteri Alexander Schallenberg. E’ lui, infatti, il nome indicato da Kurz per la successione. Sicuramente presto saranno convocati ancora una volta le elezioni e non si esclude la possibilità di una nuova candidatura da parte del cancelliere dimissionario.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Kurz non ammette le colpe

Il cancelliere austriaco, nonostante le dimissioni, non ha ammesso le colpe. Il leader del Partito popolare ha ribadito le accuse contestate sono false. Il politico è indagato per aver utilizzato fondi pubblici per diffondere i sondaggi a lui favorevoli.

Un passo indietro che era nell’aria ormai da tempo e che è arrivato nella serata di sabato 9 ottobre. Si tratta, come già successo, in passato di dimissioni per consentire al suo esecutivo di andare avanti in attesa di nuove elezioni.

Vienna Austria
Vienna Austria

Alexander Schallenberg il nuovo cancelliere austriaco

E’ Alexander Schallenberg il nuovo cancelliere austriaco. Kurz ha indicato proprio il ministro degli Esteri come suo successore almeno fino a quando non saranno convocate le elezioni. Si tratta di un certo tipo di continuità nei confronti della politica attuata dal leader del Partito Popolare in questi anni.

Nelle prossime settimane si cercherà di capire se alle elezioni candidare ancora una volta Kurz oppure cambiare definitivamente dopo questo caso di possibile corruzione che risale al 2016. Da parte del premier dimissionario, però, non c’è nessuna intenzione di ammettere le colpe e ha già ribadito la sua estraneità alla vicenda.

ultimo aggiornamento: 10-10-2021


Landini: “La Cgil e il movimento dei lavoratori hanno sconfitto il fascismo”

No Green Pass, il Pd lancia la petizione per sciogliere i partiti di estrema destra