Ecco cosa è bene fare per prendersi cura dei dischi freno della moto, dalla pulizia fino al sgrassarli: ecco tutto quello che c’è da sapere in merito!

Una delle parti più sensibili, e che hanno più bisogno di manutenzione, sono sicuramente i dischi freno della moto. Chiaramente compiere un intervento in autonomia su questi componenti non è da tutti, perché bisogna avere le conoscenze sull’argomento che sono un meccanico esperto può avere: quindi è bene rivolgersi a uno di loro se si deve sostituire. Ma si può anche prendersene cura durante il tempo, magari se ci si appresta a compiere un viaggio in moto, evitando l’usura e la conseguente sostituzione del pezzo. Ecco cosa c’è da sapere in merito alla pulizia e al costo!

Freni a disco moto: come funzionano

Per capire come funziona l’impianto frenante di una moto, in sintesi, bisogna sapere che la forza che noi mettiamo quando freniamo su un mezzo a due ruote, facendo leva, viene liberato un fluido incomprimibile che che trasferisce questa forza alle pastiglie dei freni, che di seguito comprimono il disco e ne rallentano la rotazione fino a farla cessare.

Chiaramente un disco della moto, montato su ciascuna ruota, è soggetto a usura e nel tempo questa può provocare alcuni problemi dal punto di vista dell’usabilità del mezzo. Come già detto, quindi, è bene prendersene cura con un pulizia o comunque rivolgersi a un professionista. In particolare se si vede che la ruota del motociclo non gira come dovrebbe, allora potrebbe darsi che le pastiglie dei freni si siano incollate al disco, per via dell’umidità eccessiva, della deformazioni del disco, degli sbalzi di temperatura, dell’utilizzo di un liquido per i freni non di buona qualità o per l’eccesso di sporco sui pistoncini della pinza.

In questi casi è sempre bene servirsi della competenza di un bravo meccanico, che sappia riconoscere se c’è un danno e procedere con la sostituzione delle componenti o con la riparazione.

Motociclista
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/motociclista-moto-corsa-veicolo-407123/

Pulizia e come sgrassarli

In casi superficiali, può succedere che sul disco si presenti un po’ di ruggine. Niente paura, perché per rimuoverla è sufficiente utilizzare un pulitore per freni e un panno nuovo, oppure essa può andare via, solamente se è superficiale, anche eseguendo qualche frenata.

In caso che la ruggine sia su parti del disco che non vengono a contatto con le pastiglie dei freni, gli esperti indicano come una possibile soluzione, una volta tolta la ruota dalla moto, di utilizzare una paglietta per passarla delicatamente sulla superficie del disco coperta dalla ruggine. Poi si passa un panno umido, ma non bagnato, e si cerca di di rimuovere la ruggine. Infine è buona cosa passare un liquido per pulire i freni e il problema dovrebbe essere risolto.

Per sgrassarli, invece, si opta ancora una volta per un pulitore per freni e un panno umido. Si passa sempre con delicatezza sui dischi, in modo da rimuovere appunto il grasso e la sporcizia che si è accumulata nel corso del tempo, facendo attenzione inoltre a non bagnare troppo nessun componente, evitando la formazione della ruggine.

Ecco invece cosa fare se i freni fischiano!

Il costo dei dischi della moto

Il costo dei freni a disco può variare a seconda del modello che si sceglie di sostituire, e in base allo spessore dello stesso che ogni mezzo a due ruote predilige. I prezzi variano tra i 50 euro fino a un massimo di 200, per ciascun disco. Bisogna sempre tenere presente, inoltre, lo spessore del disco. Esso si trova sulla superficie ed è rappresentato da un numero, che indica appunto lo spessore minimo che può raggiungere, prima appunto di essere sostituito se è soggetto a usura ma anche che può variare a seconda del proprio mezzo a due ruote.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/motociclista-moto-corsa-veicolo-407123/

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
approfondimento

ultimo aggiornamento: 07-01-2021


Dakar, brutto incidente per Santosh: il pilota indiano è in coma farmacologico

Covid, cosa si può fare dal 7 al 15 gennaio: i divieti e le regole giorno per giorno