Il programma del partito di Silvio Berlusconi punta a tasse e pensioni.

Con slogan e manifesti che ricordano molto quelli di trent’anni fa, Forza Italia anche nei contenuti sembra molto in linea con le vecchie proposte di quei tempi. Nei suoi video tra ironia e amarcord Silvio Berlusconi promette meno tasse per tutti e più pensioni per tutti. Progetti vecchi e riproposti nonostante gli anni. Il programma di Forza Italia punta alla giustizia e ai più deboli.

Sulla riforma fiscale, Forza Italia propone una flat tax al 23% e tagliare in due fasi il cuneo fiscale per lavoratori e imprese. Una misura da 16 miliardi di euro a vantaggio dei lavoratori con redditi fino a 35mila euro. Inoltre, si propone di inserire un tetto massimo alla pressione fiscale in Costituzione. FI vuole abolire abrogare l’Irap ed estendere la No Tax Area fino a 13.000 euro, eliminare la tassa di successione e ribadiscono il no a qualsiasi patrimoniale.

Nel suo programma Forza Italia prevede di eliminare l’Imu per gli immobili occupati o inagibili, di estendere la cedolare secca a tutte le tipologie di locazioni. Per i contribuenti si revede l’abolizione dell’inversione dell’onere della prova fiscale. Per le imprese invece il partito di Berlusconi si impegna contro i ritardi della Pa nel pagamento dei debiti verso i creditori. Sempre sulle tasse, FI propone l’azzeramento dell’Iva sui prodotti di prima necessità. Per finanziare tutte queste misure fiscali vuole introdurre la pace fiscale una tantum, la digital tax, riordino della spesa pubblica, riduzione del superbonus e tasse sugli extra profitti per le imprese energetiche.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Giustizia garantista e sicurezza: capisaldi di Forza Italia

Un altro progetto ripreso da vecchie proposte berlusconiane è il taglia leggi per una semplificazione amministrativa in ottica dell’attuazione delle riforme per il Pnrr. Altro cavallo di battaglia decennale è la costruzione del ponte sullo stretto di Messina che nessun governo Berlusconi, nonostante lo abbia riproposto più volte, è riuscito a realizzare. Forza Italia intende anche semplificare il codice degli appalti e finanziare infrastrutture digitali e stanziare risorse al sud per investire in infrastrutture e poli di innovazione e energia rinnovabili.

Per quanto riguarda la giustizia, un tema caro al Cavaliere. Forza Italia vuole ridurre i tempi del processo penale e civile, modificando anzitutto l'”improcedibilità” del processo. Si oppone alle porte girevoli tra magistratura e politica e vuole introdurre in Costituzione la separazione delle carriere dei magistrati e introdurre la responsabilità civile di questi ultimi. Il partito di Berlusconi vuole abrogare la legge Severino, introdotta proprio per il fondatore del partito. Infine, si oppone al processo mediatico per gli imputati. Sulla sicurezza, FI si impegna nel rafforzare le forze dell’Ordine nei quartieri e si oppone all’immigrazione clandestina.

Giovani, lavoro e pensioni per tutti

Per i giovani, Forza Italia propone salario minimo a 1000 euro per apprendistato, riformare il reddito di cittadinanza e contrastare il lavoro nero. Per le famiglie Forza Italia vuole riformare l’Isee eliminando la prima casa dal patrimonio e agevolando famiglie con disabili e minori. Inoltre, propone sgravi fiscali per le aziende che assumono le neo-mamme in più ai 1000 euro al mese di pensione.

Nel programma Forza Italia si propone di stare al fianco dei più deboli proponendo un ministero per la terza età e abbattere le barriere architettoniche, abbattere le liste d’attesa per esami medici e potenziare la sanità territoriale. In più FI vuole introdurre la figura dello psicologo scolastico e aumentare i fondi per il bonus. Sulla scuola, punta a incentivare l’edilizia scolastica e borse universitarie per meriti sportivi.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 07-09-2022


Carlo Calenda e il fake account su Twitter

Conte: “Togliendo reddito di cittadinanza Meloni vuole la guerra civile”