Decreto Sblocca Cantieri, marcia indietro del Governo

Decreto Sblocca Cantieri, marcia indietro del Governo

Marcia indietro del Governo sul decreto Sblocca Cantieri. Torna la procedura negoziata per lavori fino a 1 milione.

ROMA – La discussione in Senato sul decreto Sblocca Cantieri non si ferma. La norma continua ad essere in Commissione dove la maggioranza sta approvando tutti gli emendamenti prima di farla arrivare in Aula per l’approvazione definitiva.

Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, è stato approvato un emendamento firmato dalla Lega che riporta a 1 milione di euro la soglia sotto la quale è possibile affidare i lavori previa consultazione di un certo numero di aziende. Inoltre è stato approvato anche un decreto del MoVimento 5 Stelle che abbassa dal 50 al 40% la soglia massima di affidamento dei lavori in subappalto. Anche in questo caso ci sono state delle modifiche visto che nel Codice inizialmente era fissato al 30% e poi la percentuale era stata alzata dal Governo.

Senato
Senato

Decreto Sblocca Cantieri, la senatrice M5s Nugnes attacca: “Democrazia a rischio”

Il decreto Sblocca Cantieri è in discussione al Senato ma intanto è notizia di qualche ora fa l’esclusione della senatrice Paola Nugnes (M5s) dal gruppo della Commissioni Trasporti: “La democrazia parlamentare – precisa l’esponente grillina – è a rischio e le prerogative dei parlamentari derubricate? Ho chiesto di essere sostituita per la seduta del 15 maggio e questo è stato preso come un pretesto per tenermi fuori per tutto l’iter del provvedimento“.

Prendo atto che per essermi permessa di muovere delle critiche, ora nei miei confronti vi sia un vero e proprio accanimento per emarginarmi. La verità è che qui le prerogative parlamentari vengono messe continuamente in discussione riducendo il nostro ruolo a meri pigia bottino e che qualsiasi critica, ancorché costruttiva, sia vista come un dissenso sovversivo“.

Non si placano, quindi, le polemiche sul decreto sblocca cantieri che nelle prossime settimane dovrebbe ‘sbarcare’ in Aula al Senato per l’approvazione definitiva.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865

ultimo aggiornamento: 22-05-2019

X