Esonero Vincenzo Montella? Ecco a quanto è quotato…

Calano a picco le quotazioni per l’esonero di Vincenzo Montella. E inizia il toto allenatore…

chiudi

Caricamento Player...

Periodo più nero che rosso per il Milan di Vincenzo Montella che, numeri e calendario alla mano, non sa più vincere. Troppe le sconfitte incassate in questo inizio di stagione, grave, troppo grave quella contro la Sampdoria, forse immeritata quella con la Roma ma pur sempre una sconfitta, piena di rammarico quella contro l’Inter che aveva regalato nuove speranze alla tifoseria. Poi il pareggio in Europa League con il modesto AEK e lo zero a zero di Milan-Genoa. Il tutto accompagnato dalle polemiche e dalle critiche della tifoseria a Vincenzo Montella, a Marco Fassone e a Massimiliano Mirabelli, a Leonardo Bonucci e a Nikola Kalinic.

I bookmakers non hanno dubbi: Vincenzo Montella verso l’esonero

Dopo le dichiarazioni di Massimiliano Mirabelli, pronto a puntualizzare come ognuno debba fare conti con il tempo che passa, il destino di Vincenzo Montella sembra già segnato. La squadra fatica a fare punti, occupa la parte destra della classifica e vede il quarto posto sempre più lontano. Tra l’allenatore e la dirigenza qualcuno deve pagare, e come sempre (o quasi) accade nel mondo del calcio, quel qualcuno è colui che siede in panchina. Ad oggi l’esonero di Montella, in continua discesa, è quotata a 3.00. Peggio di lui solo il tecnico del Benevento Marco Baroni.

Milan-Udinese difesa a tre Vincenzo Montella
Vincenzo Montella

I nomi per il dopo Vincenzo Montella

Per il post Montella i nomi che circolano sono quelli di Gennaro Gattuso, al momento alla guida della Primavera rossonera, Sousa e Walter Mazzarri. Sembra difficile che in una stagione così delicata e decisiva la nuova dirigenza possa decidere di affidarsi a un allenatore con poca esperienza come Ringhio, mentre Mazzarri rappresenta un profilo poco gradito alla tifosoria rossonera. Resta in ballo dunque solo Paulo Sousa, sulla carta erede naturale di Antonio Conte. E certo, all’orizzinte c’è anche Antonio Conte…