Esportare i contatti di Gmail può essere utile per esempio se decidiamo di passare a un client di posta, o per conservarli.

Se abbiamo costruito una rete di contatti e-mail in Gmail ma vogliamo utilizzare un altro servizio, quello che dobbiamo fare è esportare questa rubrica per inserirla in un altro servizio. Per esportare i contatti di Gmail, è necessario utilizzare Google Contacts, uno strumento di Google a cui si accede da Gmail stesso.

Poiché i contatti di Gmail sono sincronizzati attraverso il nostro account Google, i essi possono includere indirizzi email, numeri di telefono da dispositivi mobili sincronizzati e altre informazioni di contatto aggiuntive.

I contatti vengono esportati come file vCard (VCF) o CSV, due formati compatibili con la stragrande maggioranza dei servizi di posta tra cui Mozilla Thunderbird o il sempre popolare Microsoft Outlook.

Utilizzare Google Contacts è possibile soltanto per gli utenti Android, gli utilizzatori di iPhone e iPad dovranno utilizzare la versione web dell’applicativo per effettuare l’esportazione per mancanza di un’app vera e propria.

Esportare contatti su Windows 10 o Mac

Per esportare i contatti su Windows 10 o Mac è necessario seguire la stessa identica procedura: interfacciarsi con il sito web di Google Contacts.

Quest’ultimo è raggiungibile a questo indirizzo, oppure possiamo raggiungerlo dall’interno di Gmail.

Dall’interfaccia di Gmail facciamo clic sul pulsante delle app (la cui icona è rappresentata da un cerchio pieno di piccole figure tonde) nell’angolo in alto a destra.
Da qui facciamo clic sulla voce contatti e aspettiamo che si apra la finestra corrispondente.

La pagina di Google Contacts ci mostrerà una panoramica dei contatti salvati: di ogni contatto verranno mostrati i numeri, gli indirizzi email (quando disponibili) ed il nome. Per selezionare i contatti da esportare applichiamo la spunta sul quadratino a sinistra del nome del contatto.

Una volta selezionati tutti i contatti, nella colonna di sinistra, cerchiamo la voce esporta.

Esportare Contatti Gmail

qui scegliamo il formato con cui vogliamo effettuare l’esportazione e confermiamo.

Esportare contatti da Smartphone (senza usare l’applicazione)

Apriamo il nostro browser di fiducia e digitiamo nella barra degli indirizzi contacts.google.com, effettuiamo il login e saremo dentro la nostra rubrica.

La pagina conterrà una panoramica dei contatti presenti nella nostra rubrica, con un quadratino vuoto a sinistra di ogni nome. Applichiamo il segno di spunta su ogni contatto che vogliamo esportare e, una volta terminata la selezione, facciamo tap sul menu hamburger in alto a sinistra per aprire un menu a colonna.

Da qui selezioniamo la voce esporta.

Scegliamo il formato con il quale vogliamo effettuare l’esportazione. Concludiamo l’operazione facendo clic su esporta.

Esportare contatti dall’applicazione Contatti Google

Installiamo l’app sul nostro smartphone Android e apriamola.
Dalla schermata principale teniamo il dito su un contatto che vogliamo esportare e, una volta comparso il segno di spunta al di sopra della sua foto profilo/iniziale del nome, facciamo tap su tutti i contatti da esportare.

Selezionati i contatti facciamo tap sul simbolo della condivisione in alto a destra e scegliamo come condividere il file.
L’esportazione dei contatti dall’app sarà possibile soltanto in formato .vcf.

Se vogliamo esportare tutti i contatti allora facciamo tap sul menu hamburger, selezioniamo impostazioni.

Qui facciamo tap sulla voce esporta nella sezione gestione dei contatti.


Ecco un’alternativa a Google Maps attenta alla privacy

YouTube MyFamily, gli account supervisionati in arrivo