Formula 1, il secondo posto portato a casa da Leclerc – con una grande impresa – non illude la Ferrari.

Il secondo posto di Charles Leclerc non illude la Ferrari, che si gode l’ennesima impresa del Predestinato con la consapevolezza che le prime della classe al momento sono lontanissime.

F1, il secondo posto di Leclerc in Austria non deve illudere la Ferrari

In Austria Leclerc ha fatto quello che doveva. Ha approfittato di tutte le occasioni che gli si sono presentate. Qualcuna se l’è addirittura inventata con sorpassi da cineteca destinati a rimanere nel film della stagione.

In fondo lo avevamo anticipato. La Ferrari, poco competitiva al momento, punta sul fattore Leclerc. In Austria si sono aggiunti il fattore SC, il fattore Verstappen e la penalità di cinque secondi comminata ad Hamilton Il talento del Predestinato ha fatto sì che un fine settimana drammatico si trasformasse in una impresa.

Chales Leclerc
Chales Leclerc

Binotto, ‘Lavoriamo giorno e notte per anticipare qualcosa del pacchetto’

La Ferrari da una parte si gode il secondo posto del suo talento, dall’altra è consapevole del fatto che con questa macchina difficilmente si potrà competere per i vertici. E non è un caso forse che Binotto abbia voluto evidenziare ai microfoni di Sky Sport come la squadra stia lavorando giorno e notte per mettere a punto i primi aggiornamenti alla monoposto.

“Stiamo cercando di lavorare giorno e notte per anticipare qualcosa del pacchetto, magari già la prossima settimana. Non solo per il confronto diretto ma anche per staccarci dal gruppo McLaren, Renault e Racing Point, perchè la Ferrari deve stare avanti. Abbiamo perso potenza nel motore, dobbiamo rimanere concentrati senza guardare al 2019. Questa vettura ha un problema aerodinamico, miglioreremo nelle curve e dobbiamo capire dove sta la differenza”.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Charles Lelerc evidenza ferrari Formula 1 motori News

ultimo aggiornamento: 07-07-2020


Shell e gli effetti della pandemia da Covid-19: una svalutazione super

Vettel, tre ipotesi per il futuro