Fassone: “Donnarumma? Vicini all’accordo. Il Milan mi ha sorpreso…”

L’ad e dg rossonero ha fatto il punto della situazione per quanto riguarda il rinnovo del portiere. Fassone, poi, non si sbottona per quanto riguarda le trattative su Biglia e Kalinic.

chiudi

Caricamento Player...

Marco Fassone, alto dirigente del nuovo Milan di proprietà cinese, ha rilasciato una lunga intervista a corriere.it. L’ad rossonero ha affrontato innanzitutto la questione Donnarumma: “Avevo anticipato che le porte del Milan sarebbero state riaperte qualora Gigio avesse voluto ripensarci. Qualche ripensamento c’è stato: ho la sensazione che siamo molto vicini all’accordo con il giocatore e la sua famiglia, fermo restando che non vogliamo scendere ad altri tipi di compromessi. Credo -ha proseguito Fassone – che siamo a un giorno o due dalla decisione, che spetta al giocatore. Disaccordo tra la famiglia e Raiola? No, fino a quando qualcuno non mi dice il contrario il mio interlocutore è Mino, con cui parlo più volte al giorno. Ripeto, credo che la parte di accordo che riguarda giocatore e famiglia sia vicina, l’altra è più complicata…“.

Massima fiducia nel mister

Il Milan ripartirà da Vincenzo Montella come guida tecnica. Sull’Aeroplanino, questa la riflessione di Fassone: “Sì, per noi è molto bravo: Mirabelli mi faceva notare che si vedeva la sua mano dal punto di vista tecnico, io vedevo come riusciva a tenere la barra dritta in una fase di transizione in cui venivano meno riferimenti trentennali“.

Il mercato in entrata

Poi, proseguendo l’intervista, a Fassone è stato chiesto di fare il punto sul mercato rossonero. “Direi che finora abbiamo speso circa 100 milioni. Ora spero di prendere un altro giocatore (Conti, ndr), poi tireremo una linea e penseremo alle uscite. Una rosa ipertrofica non aiuta l’allenatore. Infine vedremo che budget resta. Ci piacerebbe fare altre operazioni, ma non devono essere forzate. Biglia è in stand by, Kalinic ora lasciamo tranquilla la Fiorentina. E poi – ha concluso l’ad rossonero – abbiamo già molti attaccanti… “.