Manovra, il Governo pone la fiducia alla Camera. Attesa per la votazione.

Manovra, il Governo pone la fiducia alla Camera

La discussione alla Camera sulla manovra prosegue senza sosta. Il Governo ha posto la fiducia a Montecitorio che dovrebbe essere votata entro domani.

ROMA – Nessuna sorpresa a Montecitorio. Il Governo – come da previsione – ha chiesto alla Camera la fiducia sul maxi-emendamento. Seduta interrotta per la riunione dei capogruppo che dovranno decidere come proseguire i lavori ma la votazione è attesa al massimo entro lunedì 10 dicembre.

Parlamento
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati/

Luigi Di Maio sulla manovra: “I numeri non mi sono mai interessati”

La questione manovra è stata discussa dai tre leader anche nel vertice di oggi a Palazzo Chigi. Al termine della riunione il vicepremier Luigi Di Maio ha parlato ai cronisti presenti: “Il debito – riporta Repubblicalo vogliamo abbassare e la legge di bilancio lo farà grazie agli investimenti che riguarderanno anche strade e dissesto idrogeologico. Bruxelles ci chiede di abbassare il più possibile il debito pubblico e questo non si fa con l’austerity ma con l’aumento di investimenti e debito pubblico. 2,4%? Io non sono affezionato ai numeri ma pretendo il rispetto delle norme per noi fondamentali“.

Il ministro del Lavoro è ritornato anche sulle pensioni d’oro: “Entrerà nella legge di bilancio al Senato la prossima settimana. Ci dovrebbe essere il taglio del 40%“.

Matteo Salvini all’ANSA: “Con la manovra diamo un segno di speranza”

La manovra anche al centro dell’intervista di Matteo Salvini all’ANSA: “Noi non spendiamo soldi tanto per fare. Con questa legge di bilancio diamo un segno di speranza. Lo spread è salito non per me ma per l’arresto dell’imprenditrice della Huawei“.

Il vicepremier ritorna anche sull’ecotassa: “Con il nostro sostegno non passa. Per quanto riguarda il contratto di Governo potrebbe essere rivisto nei prossimi anni. Pace fiscale? Siamo al lavoro per introdurre un emendamento al Senato. Mi riferisco al salvo e stralcio di una parte delle cartelle esattoriale. Già è in corso la rottamazione che toglie sanzioni e interessi. Il problema per molti piccoli è anche il montante che non hanno“.

Chiusura finale sulla situazione di Roma: “Siamo disposti ad aiutare i romani sulla manutenzioni. Ci sono strade dove per andare in motorino devi avere fegato. Chiunque governa Roma eredita decenni di amministrazioni non eccezionale ma le buche e i rifiuti sono delle priorità“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/Cameradeideputati/

ultimo aggiornamento: 06-12-2018

X