Figlio di Salvini sulla moto d’acqua della polizia. Aperto un fascicolo

Figlio di Salvini sulla moto d’acqua della polizia. Il vicepremier: “Errore mio da papà. Gli agenti non hanno nessuna responsabilità”.

ROMA – Il figlio di Salvini sulla moto d’acqua della Polizia. E’ polemica per il video pubblicato dal sito di La Repubblica che mostra il primogenito del vicepremier su un mezzo marino delle Forze dell’Ordine. Secondo quanto riportato dal giornale, i due agenti hanno chiesto al reporter di smettere di filmare perché si trattava di un mezzo militare.

I due – scrive il sito – non si sono identificati ed hanno seguito fino all’ora di pranzo il videomaker. Al richiamo alla base hanno smentito di essere poliziotti e invitato l’inviato a seguirli.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/salviniofficial/

Aperta un’inchiesta

La Procura di Ravenna – interpellata da Repubblica – ha annunciato di avere aperto un’inchiesta per verificare “se ci sia stato un uso improprio di mezzi dell’amministrazione“. Una vicenda che rischia di procurare diverse polemiche politiche con il PD che attacca: “I mezzi della polizia servono per garantire la nostra sicurezza, non per far divertire la famiglia del Salvini di turno, e i poliziotti non possono essere messi in difficoltà dalla deferenza verso il Ministro con rischi per loro e per il ragazzo“.

Di seguito il tweet di Emanuele Fiano

Condanna anche da parte del M5s: “Non so nulla – sottolinea il sottosegretario al Viminale Carlo Sibilia ai microfoni dell’AdnKronosanche a me piacerebbe trascorrere giorni di vacanza ma sono a lavorare sul Decreto Sicurezza Bis. E’ un peccato che uomini dello Stato debbano usare il tempo per andare dietro a queste cose“.

La reazione di Salvini

Il ministro Salvini ha ammesso l’errore ai microfoni dei giornalisti: “Nessuna responsabilità ai poliziotti – sottolinea il vicepremier – ma ho sbagliato io da papà. Ringrazio gli agenti perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese“. Ma le polemiche rischiano di essere ‘trasportate’ al Consiglio dei Ministri di domani.

Ascoltato il giornalista

E’ stato ascoltato in Procura il videomaker di La Repubblica che ha ripreso il figlio di Salvini sulla moto d’acqua. Tre ore per ricostruire insieme agli inquirenti la vicenda.

La Procura apre un fascicolo

La Procura di Ravenna ha aperto un fascicolo contro ignoti sull’episodio. Gli inquirenti sono al lavoro per identificare le due persone che hanno impedito a un giornalista di La Repubblica di filmare la scena.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/salviniofficial

ultimo aggiornamento: 22-08-2019

X