Formula 1, l’analisi del GP d’Ungheria. Ocon ha sfruttato le condizioni meteo per conquistare la vittoria. Hamilton ritrova la leadersip.

BUDAPEST (UNGHERIA) – Il GP d’Ungheria, undicesimo appuntamento del Mondiale di Formula 1, è stato caratterizzato da pioggia e incidenti. Ocon è stato molto bravo a sfruttare il caos della prima curva e il lavoro del compagno di squadra Fernando Alonso per conquistare la sua prima vittoria. Hamilton è riuscito a rimediare ad un errore alla ripartenza: tutti i piloti hanno deciso di andare ai box per il cambio gomme, il britannico è stato l’unico a partire dalla griglia e si è ritrovato in fondo alla griglia.

Il terzo posto gli ha permesso di conquistare ancora una volta la leadership del Mondiale visto che Verstappen, per la seconda volta consecutiva, è stato coinvolto in un incidente. In questo caso è riuscito a conquistare un punto, ma il cammino ora non è dei più semplici.

La Ferrari sorride a metà

La Ferrari sorride la metà. La Rossa, come successo a Silverstone, ha dimostrato di avere un grande passo con le gomme medie. C’è ancora da lavorare sulle dure visto che gli altri team sono ancora leggermente più avanti. Il grande rimpianto è stato sicuramente l’incidente di Leclerc, con il monegasco che avrebbe potuto competere per il primo posto.

Anche per Sainz c’è stata un po’ di sfortuna. Con un rientro in pista dietro Ocon e Alonso ma davanti a Latifi e Tsunoda poteva permettere allo spagnolo di lottaere per la vittoria.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Carlos Sainz
Carlos Sainz

Il caso Vettel

Una classifica sub judice per il caso Vettel. Per un problema alla monoposto, il tedesco non ha presentato alla direzione gara un quantitativo di benzina regolare. Questo in un primo momento ha portato alla squalifica, ma il ricorso della Aston Martin ha portato la Fia a confermare l’ordine di arrivo in pista in attesa di tutte le verifiche del caso.

ultimo aggiornamento: 02-08-2021


Ferrari, trimestre in crescita per ricavi e consegne. Elkann: “Modello business senza eguali”

Mercato auto, a luglio immatricolazioni in calo. Le ibride superano le benzina