L’intervista di Ross Brawn a Sky Sports: “Con il via a luglio possibile Mondiale con 18 o 19 GP”.

ROMA – Possibile inizio del Mondiale di Formula 1 a luglio. A rivelarlo è il direttore generale Ross Brawn in un’intervista ai microfoni di Sky Sports. “La nostra idea – ha detto l’ex uomo della Ferrari – è che un inizio europeo della stagione sarebbe possibile e potrebbe esserci a porte chiuse. Vogliamo creare un ambiente il più possibile chiuso e attento anche negli spostamenti. Uno dei grandi problemi, invece, è il viaggio di tutte le squadre e i soggetti coinvolti“.

Il numero dei Gran Premi

L’emergenza coronavirus ha portato la Liberty Media a ridurre il numero dei Gran Premi per questa stagione: “Otto gare – ha assicurato Ross Brawn – sono il minimo per la regolarità del campionato, secondo gli statuti della Fia. Questo numero lo potremmo raggiungere anche partendo nel mese di ottobre“.

Ma il direttore generale del circus è fiducioso di poter iniziare prima: “Abbiamo esaminato tutta la logistica. Pensiamo di poter organizzare una stagione di 18 o 19 gare se ci sarà la possibilità di iniziare all’inizio di luglio“.

Charles Leclerc
Monza 08/09/2019 – gara F1 / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Charles Leclerc

La Formula 1 inizia in Francia?

Al momento, il via del Mondiale è fissato in Francia ma non si esclude un nuovo slittamento di qualche settimana. Le autorità francesi, infatti, si sono presi del tempo per decidere. Si attende la risposta del Tour de France e solo dopo si scioglieranno tutti i dubbi.

L’ipotesi è quella di iniziare a porte chiuse in attesa di capire quando le gare potranno ritornare con la presenza del pubblico. La Francia è la candidata numero uno anche se Fia e Liberty Media hanno messo sul taccuino anche l’Austria come esordio del Mondiale. E presto potrebbe essere pubblicato il nuovo calendario.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


F1, si spera in un Mondiale a 18 gare (almeno)

Formula 1 virtuale, Alexander Albon si aggiudica la Race for the World