L’ultimo giorno di test a Barcellona ha visto Valtteri Bottas davanti a Verstappen e Ricciardo. 4° Leclerc anche se la Ferrari continua a nascondersi.

BARCELLONA (SPAGNA) – Nell’ultimo giorno di test a Barcellona le scuderie hanno continuato a giocare a nascondino. E’ il caso, questa volta, della Ferrari che con Charles Leclerc ha messo a segno il quarto tempo complessivo. Nulla di strano ma se si pensa ad un long run molto competitivo con qualche problema sui rettilinei (cosa che lo scorso anno non succedeva) qualche dubbio resta.

Non ci resta, quindi, che aspettare due settimane per capire meglio l’andamento di questa stagione con i team che in Australia saranno chiamati a scoprire le carte.

La Mercedes chiude davanti a tutti

La Mercedes continua a lanciare dei chiari segnali agli avversari. Anche se questa volta il crono di Bottas è stato di poco superiore a Max Verstappen, Daniel Ricciardo e Charles Leclerc. Dopo i problemi meccanici, Lewis Hamilton ha chiuso in quinta posizione con oltre due decimi del compagno di squadra.

Tempi difficili da interpretare visto che le scuderie si sono messe al lavoro su cose differenti. Al momento la Mercedes sembra avere un passo migliore della concorrenza ma, come sempre, le cose possono cambiare in poco tempo.

Lewis Hamilton Barcellona
fonte foto https://twitter.com/MercedesAMGF1

Melbourne il primo vero test

In queste due settimane le scuderie hanno raccolto i dati utili da sviluppare prima della gara in Australia. Come detto in precedenza, difficile al momento fare delle previsioni. La Mercedes sembra avere qualcosa in più rispetto a Red Bull e Ferrari anche se gli ultimi giorni hanno visto una Rossa in ripresa.

Fare pronostici continua ad essere molto complicato. Non ci resta che aspettare Melbourne per vedere i primi veri segnali dalle squadre che fino a questo momento hanno giocato a nascondino. Una partita a scacchi che presto dovrà vedere la propria fine.

fonte foto copertina https://twitter.com/MercedesAMGF1

ultimo aggiornamento: 29-02-2020


Coronavirus, annullato il Salone dell’Auto di Ginevra

Binotto boccia la Ferrari, “Non siamo abbastanza veloci”