Il braccio destro di Emmanuel Macron, Alexis Kolher, è finito nel mirino degli inquirenti per i rapporti di parentela con l’armatore italo-svizzero, MSC.

PARIGI – Nella mattinata di lunedì 4 giugno la Procura Nazionale Finanziaria di Parigi ha annunciato di aver aperto un’inchiesta sul segretario generale dell’Eliseo, Alexis Kohler, braccio destro di Emmanuel Macron. È la prima volta da quando è stato eletto che un’investigazione riguarda molto da vicino lo staff del presidente francese.

EMMANUEL MACRON
EMMANUEL MACRON

L’indagine è partita dopo la denuncia da parte dell’associazione Anticor (un’associazione di consumatori contro la corruzione) per “interesse illegali, traffico d’influenze e corruzione passiva“.

Indagato il braccio destro di Macron, decisiva la denuncia dell’Anticor

Secondo quanto riportato dal sito Mediapart, l’organizzazione ha messo in risalto la parentela che c’è tra Kolher e l’armatore italo-svizzero MCS, uno dei principali clienti dei cantieri navali francesi di Saint-Nazaire (STX). L’uomo avrebbe avuto un ruolo fondamentale – denuncia l’Anticor – nelle trattative sul futuro dei cantieri che si sono svolte con l’Eliseo.

L’agenzia ha rimproverato al segretario generale del governo Macron di aver accettato il ruolo di rappresentate dello Stato nella trattativa dal 2010 al 2012, nonostante la presenza del “conflitto di interesse“. L’armatore italo-svizzero MSC è di proprietà dei cugini della madre.

Nessun commento da parte dell’Eliseo che nelle prossime ore potrebbe lasciare un comunicato ufficiale chiarendo la posizione di Kolher. Si attendono ulteriori sviluppi su questa vicenza. L’ipotesi delle dimissioni non è molto remota. Il presidente Macron potrebbe decidere di privarsi momentaneamente del suo braccio destro, almeno fino a quando non sarà appurata la sua estraneità ai fatti.

Di seguito il video con l’ultima visita di Macron in Italia

fonte foto copertina https://www.facebook.com/rainews.it/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Guatemala, eruzione del Vulcano del Fuego, più di venti vittime

Stati Uniti, diritti gay a rischio: la Corte Suprema fa discutere