Bambino di otto anni ruba la macchina alla mamma e tampona un tir. Solo pochi giorni prima era stato fermato in autostrada mentre andava a 140 chilometri orari.

Arriva dalla Germania la notizia di un bambino di otto anni che ruba la macchina alla mamma e tampona un tir. Fortunatamente il mezzo pensante era fermo e il piccolo stava facendo manovra a passo d’uomo.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Germania, bambino di otto anni ruba la macchina alla mamma e tampona un tir

Il piccolo di otto anni, originario di Soest, ha rubato le chiavi della macchina della madre e si è messo alla guida dell’auto. Il bambino ha tamponato un tir che era fermo. Il bimbo fortunatamente è uscito illeso dall’incidente che avrebbe potuto avere conseguente decisamente ben più gravi.

Il piccolo è stato raggiunto e fermato dagli agenti della polizia che hanno dovuto fare i conti anche con i capricci del bambino che è scoppiato in lacrime e avrebbe rivolto insulti anche pesanti agli uomini delle forze dell’ordine.

Polizia Germania
fonte foto https://twitter.com/elenabulla1

La mamma del piccolo riceverà una denuncia

La mamma del piccolo è stata avvertita dalle autorità ed era assolutamente ignara del fatto che suo figlio si fosse messo alla guida della sua macchina. La donna rischia ora una denuncia non trattandosi del primo episodio del genere.

Lo stesso bambino era stato fermato in autostrada mentre procedeva a 140 chilometri orari

Non è la prima volta che il precoce e rampante guidatore si mette alla guida di una macchina rubando le chiavi dell’auto alla madre. Solo pochi giorni prima del tamponamento con il tir il bambino di otto anni era stato fermato in autostrada mentre procedeva a centoquaranta chilometri orari in autostrada.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-08-2019


Brasile, l’Amazzonia va in fiamme. Bolsonaro schiera l’esercito

Morto per la sigaretta elettronica: il primo caso negli Usa