Giallo sul Titanic: la nave a picco a causa di un incendio

Si riapre il caso del Titanic: la nave sarebbe partita dal porto di Belfast nonostante fosse divampato un incendio all’interno dello scafo

chiudi

Caricamento Player...

Altro che iceberg, il Titanic affondò a causa di un incendio: è questa la nuova teoria avanzata e proposta dal giornalista Senan Molony, che spiega la sua ‘scoperta’ in un documentario dell’emittente britannica Channel 4. A causare l’affondamento della nave nell’aprile 1912 non sarebbe stato, come nell’immaginario comune, un iceberg, bensì un incendio divampato all’interno dello scafo, di cui i costruttori erano a conoscenza. Analizzando alcune fotografie, infatti, sarebbero emersi i segni di fiamme che lente ma inesorabili si erano sviluppate vicino alle caldaie del transatlantico quando ancora si trovava nel porto di Belfast, dove venne costruito. Nonostante l’incendio a bordo si decise di far partire il transatlantico per il maledetto viaggio che avrebbe portato alla tragica morte di 1500 persone.

Si prospetta dunque l’apertura di un nuovo capitolo della storia consegnata alla memoria delle generazioni dall’indimenticato film Titanic che aveva per attore un giovanissimo Leonardo di Caprio.