Da Curi a Morosini, i giocatori morti in campo a causa di un malore. Le tragedie che hanno segnato il mondo del calcio.

Il malore che ha colto Eriksen ha gettato il mondo del calcio nello sconforto e ha riportato alla memoria di tutti i tanti, troppi giocatori morti in campo di infarto. Professionisti allenati e costantemente monitorati dal punto di vista medico che non ce l’hanno fatta.

I giocatori morti in campo per infarto o problemi cardiaci

Purtroppo la storia del calcio è ricca di tragedie, di decessi improvvisi, di calciatori che si sono improvvisamente spenti in campo. A volte senza un perché, a volte per errori commessi da chi avrebbe dovuto garantire la sicurezza, a volte semplicemente perché il mondo del calcio non era preparato.

Renato Curi

Uno dei primi casi drammatici nella storia del calcio è quello di Renato Curi, al quale è intitolato lo stadio di Perugia. Durante la partita contro la Juventus il calciatore crolla a terra dopo uno scatto. Curi morirà in ospedale il 30 ottobre 1977 per una anomalia coronarica già nota ai medici in quanto già individuata nel corso degli esami effettuati nel corso della carriera.

Marc Foé

Difficile dimenticare la morte di Marc Foé, centrocampista di 28 anni . Durante la partita di Confederations Cup contro la Colombia, il calciatore del Camerun si accascia al suolo. Per lui non ci sarà nulla da fare. Sarà l’autopsia e a rivelare le cause del decesso: cardiomiopatia ipertrofica.

Miklos Feher

Siamo nel 2004. Il centrocampista del Benfica cade a terra dopo aver ricevuto un cartellino giallo. I medici intervengono e iniziano un massaggio cardiaco. L’ambulanza arriverà dopo 14 lunghissimi minuti. Il decesso sarà dichiarato la sera. La causa del decesso è la fibrillazione ventricolare causata da cardiomiopatia ipertrofica.

Antonio Puerta

Quello di Antonio Puerta è un caso ancora fresco nella memoria di tutti. Siamo nell’agosto del 20017. Il calciatore, appena 22enne, perde conoscenza in campo durante la partita tra Siviglia e Getafe. Viene soccorso dai medici e trasportato in ospedale, dove morirà tre giorni dopo. L’autopsia parla di displasia ventricolare destra.

Piermario Morosini

Indimenticabile il caso di Piermario Morosini, centrocampista del Livorno. Il 14 aprile 2012 il giocatore viene colto da un malore durante la partita contro il Pescara. Viene soccorso e trasportato in ospedale, dove morirà. Il giocatore soffriva di cardiomiopatia aritmogena.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Pallone Serie A
Pallone Serie A

Il miracolo di Fabrice Muamba

Non tutte le storie però hanno un finale drammatico. Lo sa bene fortunatamente Eriksen così come lo sa bene Fabrice Muamba, calciatore del Bolton colto da un infarto durante una partita contro il Tottenham. Il giocatore di appena 23 anni è rimasto senza conoscenza per ben 78 minuti. Un’eternità. Dopo 78 minuti il calciatore ha ripreso conoscenza.

La morte di Davide Astori

Non siamo di fronte ad un caso di morte in campo ma siamo di fronte ad una tragedia che ha scosso il mondo dello sport. Il capitano della Fiorentina viene trovato morto la mattina del 4 marzo 2018. Era nella sua camera di albergo. Era in trasferta con la squadra, che avrebbe dovuto affrontare l’Udinese. L’autopsia evidenzia le cause della morte: fibrillazione ventricolare.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 13-06-2021


Da Manfredonia e Muamba, i casi di arresto cardiaco in campo ‘a lieto fine’

Covid, seconda dose con un vaccino diverso. Il mix è sicuro?