Da Google a Kering: ecco quanto ha incassato il Fisco

Il Fisco diventa ricco. Negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha raggiunto diversi accordi con le grandi aziende mondiali.

ROMA – L’accordo raggiunto con Gucci per il contenzioso con Kering da 1,2 miliardi di euro è solo l’ultimo di una lunga serie che ha permesso al Fisco di incassare una cifra economica molto alta. Da diversi anni l’Agenzia delle Entrate ha trovato accordi con le grandi aziende mondiali per casi di evasioni fiscali.

Da Google a Gucci, il Fisco diventa ricco

Uno dei primi accordi risale al lontano 2015 quando la Apple è stato costretta a pagare 318 milioni di euro al fisco italiano. L’azienda di Cupertino non ha avuto nessuno sconto da parte dell’Agenzia delle Entrate con una notizia che ha fatto il giro del mondo visto che è trattato sicuramente di un accordo molto particolare.

Due anni dopo è toccato a Google ed Amazon dover fare i conti con il fisco italiano. Il primo ha dovuto sborsare ben 306 milioni di euro mentre solo 100 milioni per la seconda azienda che si è ritenuta fortunata. Passa un anno e nelle casse dell’Agenzia delle Entrate entrano oltre 100 milioni da Facebook e 79 milioni da parte di Mediolanum.

Amazon
fonte foto https://www.facebook.com/amazon.it/

L’ultima a pagare una multa al Fisco è stata Kering. Il gruppo che ha il controllo di Gucci è stata costretta a sborsare la cifra più alta di questi ultimi anni. 1,2 miliardi di euro per aver evaso le tasse.

La lunga lista sicuramente non si fermerà qui visto che nei prossimi mesi altri contenziosi potrebbero essere aperti. Sicuramente il Fisco ha attuato una politica del pugno duro contro aziende italiane e straniere e questi ultimi anni lo hanno dimostrato.

Una battaglia da parte dell’Agenzia delle Entrate che presto potrebbe avere altre vittime tra i grandi marchi che evadono le tasse nel nostro Paese.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/keringgroup/

ultimo aggiornamento: 11-05-2019

X