L’ex attaccante rossonero, da Londra, torna a parlare del suo recente passato. Nessun rimpianto, ma anche tante amicizie e bei ricordi

Una vittoria preziosissima, per continuare a inseguire un sogno chiamato Champions League. Il Chelsea, vincendo 2-1 il derby contro il Fulham, rimane in scia alle avversarie e tiene aperto il discorso per il quarto posto. Blues al momento sesti a quota 56: un punto più in su c’è l’Arsenal, a due lunghezze un Manchester United che con Solskjaer in panchina sembra inarrestabile. Quindi il Tottenham a 61, reduce da un solo punto in tre partite. Tutto aperto per la banda di Sarri, grazie anche al suo cannoniere principe Gonzalo Higuain.

Chelsea nel segno di Higuain e Jorginho

E’ stato proprio l’argentino a sbloccare la gara dopo 20′, su assist vincente di Azpilicueta. Dopo il pareggio di Chambers, la rete decisiva per i Blues porta la firma di Jorginho, altro grande ex del campionato italiano. Sono così 3 le reti in Premier League di Higuain, in 5 partite giocate.

Al termine della gara, l’argentino ha concesso qualche battuta all’emittente Sky Sport, in cui ha accennato anche al suo recentissimo passato in rossonero. Sei mesi in chiaro-scuro, cominciati a suon di gol e finiti, invece, col gran rifiuto di Genova. In quell’occasione, Higuain si è rifiutato di far parte della lista dei convocati per il match di Marassi coi rossoblu, essendo ormai in partenza.

Gonzalo Higuain
Fonte foto: https://twitter.com/acmilan

Higuain a Sky: “Contento di come sta andando il Milan”

Quello che è passato è passato – afferma il bomber ex Juventus e Napoli ai microfoni di Sky Sport – non torno indietro. Sono contento e felice per come sta andando il Milan. Lì ho lasciato tanti amici e un grande mister. Nel calcio queste cose possono succedere, ho dovuto prendere una decisione a gennaio e l’ho fatto. Non ho nostalgia, Londra è una città meravigliosa.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio Chelsea Higuain mercato milan sarri

ultimo aggiornamento: 04-03-2019


Chievo-Milan story, il 2 a 0 firmato Shevchenko nell’anno dello scudetto ancelottiano

Milan, fiato corto. Adesso Gattuso deve ricorrere alle “seconde linee”