Donnarumma, senza Champions il Milan rischia di perdere il portiere

Riprendono forza le voci sul conto di Gianluigi Donnarumma circa un futuro lontano dal Milan. In caso di mancata qualificazione alla Champions, sarebbe lui il sacrificato del club rossonero.

chiudi

Caricamento Player...

Gianluigi Donnarumma resta sempre uno dei nuovi più gettonati sulla bocca degli operatori di mercato. Appena due giorni fa, infatti, è stata riportata l’indiscrezione secondo cui il Psg sarebbe intenzionato già durante la sessione invernale dei trasferimenti a mettere sul piatto i 70 milioni previsti dalla clausola di rescissione. Dopo un lungo tira e molla – come noto -, il portiere di Castellammare di Stabia ha sottoscritto con il Milan un nuovo contratto da sei milioni a stagione fino al 2021. Il procuratore del classe ’99, Mino Raiola, ha insistito per l’inserimento di una clausola di rescissione che infine è stata fissata a 70 milioni. Se, dunque, il club parigino metterà sul piatto questa somma, allora il club di via Aldo Rossi non potrà opporsi in nessun modo.

Senza la Champions, sarà addio?

In attesa di vedere se il Psg, che rimane sotto la lente della Uefa in tema di Fair Play Finanziario, renderà concreta l’indiscrezione, il Corriere dello Sport oggi in edicola pubblica un pezzo nel quale dice che se il Milan non riuscirà a qualificarsi alla prossima edizione della Champions League, allora Fassone dovrà operare un importante sacrificio sul mercato, cedendo un pezzo forte al fine di riequilibrare il bilancio. E Donnarumma appare in pole position qualora si materializzasse questa situazione.