Caso Suarez, Procura della FIGC ha archiviato l’inchiesta sull’esame ‘farsa’ sostenuto dall’attaccante per il conseguimento del passaporto.

Si chiude il filone sportivo sul caso dell’esame di italiano di Luis Suarez per il conseguimento del passaporto: la Procura della FIGC ha disposto l’archiviazione dell’inchiesta escludendo l’illecito sportivo.

Luis Suarez
Luis Suarez

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’inchiesta della FIGC sul caso Suarez per la valutazione di eventuali illeciti sportivi

Come anticipato dal Corriere della Sera, la Procura della FIGC ha acquisito le carte dell’indagine per valutare la possibile violazione dell’articolo 32 del codice della Federazione, secondo cui è “punibile chiunque provi direttamente o tenti di compiere o consenta che altri compiano atti volti a ottenere attestazioni o documenti di cittadinanza falsi o alterati per eludere le norme in materia di ingresso in Italia e di tesseramento di extracomunitari“.

Luis Suarez
Luis Suarez

La Procura Federale archivia l’inchiesta

Dal punto di vista sportivo, il 14 dicembre si chiude il caso dell’esame farsa di Luis Suarez. La Procura Federale, con una nota pubblicata sui propri canali ufficiali, ha reso noto di aver disposto l’archiviazione dell’inchiesta in quanto non ha riscontrato illeciti sportivi.

Il caso resta però aperto per quanto riguarda la giustizia ordinaria, con le autorità competenti che non hanno ancora chiuso le indagini.

La Juventus ha però la certezza che non rischia pene sportive per la vicenda, che quindi va avanti solo nelle aule di tribunale. Risultano indagati l’ex rettrice Giuliana Grego Bolli, l’ex DG dell’Università Simone Olivieri, la professoressa Stefania Spina e l’avvocato della Juventus Maria Cesarina Turco. Lorenzo Rocca ha invece deciso di patteggiare.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter Juventus milan

ultimo aggiornamento: 14-12-2021


Serie A, la Roma batte 2-0 lo Spezia

Lo stadio Olimpico intitolato a Paolo Rossi, la proposta di legge arriva in Parlamento