L’incidente è avvenuto a circa quaranta chilometri da Sofia, capitale della Bulgaria: l’autobus viaggiava in autostrada quando si è andato a schiantare. Almeno 45 vittime.

È di almeno 45 morti il bilancio dell’incidente stradale avvenuto a sud di Sofia, in Bulgaria, dove un autobus turistico che trasportava più di cinquanta persone della Macedonia si è schiantato per cause ancora da stabilire.

Tra le quarantacinque vittime ci sono anche alcuni bambini, rimasti uccisi nello schianto del bus. Sette passeggeri del mezzo sono riusciti a mettersi in salvo lanciandosi dall’autobus in fiamme.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Dramma in Bulgaria, la ricostruzione dell’incidente: l’autobus viaggiava in autostrada ed era a pochi chilometri da Sofia

Il pullman era partito dalla Turchia ed era diretto in Macedonia del Nord, da dove provenivano le 53 persone che si trovavano sul bus dopo aver trascorso un fine settimana in una città sul Bosforo.

L’incidente è avvenuto di notte sull’autostrada a circa quaranta chilometri da Sofia. Non sono ancora chiari i dettagli dell’accaduto. C’è da stabilire se il mezzo si sia prima schiantato e quindi abbia preso fuoco o se prima abbia preso fuoco e quindi si sia andato a schiantare.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

Il bilancio

Il bilancio è drammatico. Sono almeno 45 le persone rimaste uccise nell’incidente. Molti dei corpi sono stati recuperati completamente carbonizzati. Tra le vittime ci sono anche dei bambini.

Sono sette le persone che sono riuscite a salvarsi sfondando i finestrini e lanciandosi dal pullman. I sette sono stati soccorsi e trasportati in ospedale.

Si ipotizza che tutte le vittime siano della Macedonia del Nord, ha dichiarato il premier macedone Zaev: “Non sappiamo se erano tutti nostri concittadini, ma presumiamo di sì perché il mezzo era immatricolato nel nostro Paese“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-11-2021


Terza dose dopo cinque mesi, la circolare del Ministero

Stretta anti-Covid in Alto Adige, tornano le zone rosse e il coprifuoco