Tremendo incidente tra Pedrosa e Savadori durante i primi giri del Gp di Stiria. La KTM dello spagnolo in fiamme.

SPIELBERG (AUSTRIA) – Attimi di paura in Austria per l’incidente tra Pedrosa e Savadori. Nel corso del terzo giro del GP di Stiria, il pilota italiano è andato ad impattare violentemente con la moto dello spagnolo e l’asfalto è andato in fiamme.

Immediato l’intervento degli addetti ai lavoro, che sono riusciti a spegnere le fiamme e consentire al Gran Premio di ripartire e concludere senza particolari problemi.

Problemi al piede per Savadori, illeso Pedrosa

La dinamica dell’incidente è stata da subito chiara anche per la presenza di diverse telecamere in quella zona. Il primo a perdere il controllo della moto è stato Pedrosa. Lo spagnolo si è ritrovato a terra e, grazie anche alla sua esperienza, è riuscito in pochi secondi a rialzarsi e mettersi al sicuro fuori dalla pista.

La sua Ktm è stata travolta da Savadori, che arrivava dalle retrovie ad alta velocità. Il pilota italiano è stato catapultato sull’asfalto ma fortunatamente senza particolari conseguenze. Le moto, però, hanno preso fuoco e le fiamme hanno invaso la pista. Decisivo l’intervento degli addetti, tempestivi a contenere l’incendio e mettere in sicurezza i piloti in pochi minuti. Per i piloti da segnalare un problema al piede per Savadori, mentre Pedrosa è riuscito anche a ripartire e concludere la gara in top ten.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

MotoGP
MotoGP

Vittoria di Martin

La vittoria è andata a Jorge Martin. Lo spagnolo è riuscito a sfruttare la ripartenza per andare a conquistare il suo primo successo in carriera nella classe regina. Una gara che ha vissuto attimi di paura per l’incidente tra Savadori e Pedrosa, ma fortunatamente nessuno dei due ha riportato particolari conseguenze. E alla fine i primi tre sono riusciti a festeggiare sul podio il buon risultato.


MotoGP, prima vittoria in carriera per Martin. In Austria sul podio Mir e Quartararo

Superbike, successo di Redding in Gara-2 a Most. Sul podio Razgatioglu e Rea