Momento difficile per l’India. Le forti piogge hanno causato diversi disagi nello stato del Kerala. Oltre trecento le persone che hanno perso la vita.

NUOVA DELHI (INDIA) – Le forti piogge stanno condizionando in questi giorni l’India. La zona più colpita sembra essere quella dello stato del Kerala, nel sud della nazione. Sono almeno 324 le persone che hanno perso la vita ma il bilancio – stando a quanto riportato dalla BBC online – sembra destinato a salire.

I soccorritori sono al lavoro per cercare di salvare tutte le persone e al momento sono oltre 200 mila i residenti che sono rimasti senza abitazione. Secondo quanto riportato dal governo locale, le vittime sono state causate dai vari detriti, arrivate per le varie frane e smottamenti.

Forti piogge in India, l’aeroporto resterà chiuso fino al 26 agosto 2018

Le forti piogge che nell’ultima settimana hanno colpito l’India hanno provocato diversi disagi. Molte persone per cercare di sfuggire alle violente inondazioni sono salite sui tetti e stanno aspettando i soccorritori per essere salvati. Nelle ultime ore il tempo si è rasserenato e le autorità locali sono riusciti ad allestire delle tende per permettere agli sfollati di ripararsi dalle forti piogge.

I diversi temporali hanno creato anche molti problemi alle comunicazioni. Il crollo dei ponti, delle strane e le frane hanno portato a bloccare la circolazione delle macchine ma anche i servizi ferroviari sono stati interrotti. L’aeroporto resterà chiuso almeno fino al prossimo 26 agosto. Con il passare dei giorni la situazione dovrebbe ritornare alla normalità con i soccorritori che saranno chiamati a ripulire le strade e permettere agli sfollati di ritornare nelle proprie abitazioni, almeno quelli che hanno avuto pochi danni.

Di seguito il video con le forti piogge in India

https://www.youtube.com/watch?v=d9SEYYR6DRY

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri india inondazioni sfollati

ultimo aggiornamento: 18-08-2018


Pullman Flixbus capovolto sulla A19: sedici feriti, sei gravi

È morto Kofi Annan, ex segretario generale dell’Onu