Victor Balnco, presidente del Racing de Avellaneda, è tornato a parlare del trasferimento di Lautaro Martinez all’Inter avvenuto in estate

Uno degli acquisti più importanti del calciomercato estivo dell’Inter è stato sicuramente l’attaccante argentino Lautaro Martinez, arrivato a titolo definitivo dal Racing de Avellaneda. Victor Blanco, presidente del club argentino, è tornato a parlare, ai microfoni del quotidiano argentino Olè, del passaggio in nerazzurro del giocatore.

Victor Blanco: “Lautaro Maritnez voleva andare via”

L’attuale numero 10 nerazzurro è arrivato solo a luglio dopo essere stato bloccato dai dirigenti nerazzurri già nel mese di febbraio per anticipare la concorrenza. Dopo l’arrivo in nerazzurro i tifosi del club argentino hanno protestato contro il club per aver lasciato andare via un talento a un prezzo basso rispetto al suo valore.

Questo succede solo quando è il giocatore a volerlo. La dirigenza non ha più armi di quante ne abbia il giocatore. Se la volontà del calciatore è quella di andarsene o di non accettare di aumentare la clausola, non c’è molto da fare le parole del numero uno del club argentino.

Victor Blanco in merito alle proteste dei tifosi ha poi aggiunto: “La decisione è del giocatore, sempre. A volte i tifosi fanno fatica a comprendere questa cosa”. 

Lautaro Martinez
Fonte foto: https://www.facebook.com/interunicograndamore/

Victor Blanco: “Lautaro via nel momento giusto”

Nel corso della sua sua intervista ad Olè – riportata in Italia dai maggiori siti di informazione calcistica – il presidente del Racing, ha voluto chiarire un aspetto proprio un aspetto relativo alla clausola rescissoria: “Lautaro aveva una clausola bassa, da 9 milioni di euro, l’abbiamo triplicata e lui ha accettato per far sì che il club potesse guadagnare di più dalla sua cessione”. 

Secondo Victor Blanco, Lautaro Martinez “se n’è andato quando è arrivato il momento di partire”. 

 

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Milan, Kouamè solo in estate. Perinetti: “A gennaio non parte”

Frosinone-Milan, Gattuso: “Io a rischio? Fa parte del gioco, ho la coscienza pulita”