L’intervento del Presidente del Consiglio Mario Draghi alla Cop26 di Glasgow: “Dobbiamo fare molto più di quanto abbiamo fatto al G20”.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi è intervenuto alla Cop26 di Glasgow parlando degli obiettivi del vertice e dei risultati che sono stati raggiunti al G20 di Roma.

Di seguito il video dell’intervento del Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Cop26 Glasgow, l’intervento di Mario Draghi

I giovani sono stati al centro del Vertice Pre-COP di Milano. A Glasgow, noi dobbiamo renderli orgogliosi“, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Mario Draghi in occasione del suo intervento alla Cop26 di Glasgow.

L’aumento delle temperature globali è destinato a influenzare la vita sul nostro pianeta in modo drammatico. Da incendi e inondazioni catastrofici, allo scolorimento delle barriere coralline e alla perdita di biodiversità, l’impatto del cambiamento climatico è già fin troppo evidente. Anche il costo di tutto ciò aumenta rapidamente, soprattutto per le nazioni più povere“, ha aggiunto Draghi.

Il costo dei disagi per le famiglie e le aziende nei paesi a basso e medio reddito ammonta a ben 390 miliardi di dollari l’anno. Il cambiamento climatico ha anche gravi ripercussioni sulla pace e la sicurezza globali. Può esaurire le risorse naturali e aggravare le tensioni sociali. Può portare a nuovi flussi migratori e contribuire al terrorismo e alla criminalità organizzata“.

Mario Draghi
Mario Draghi

Draghi: “Dobbiamo fare più di quanto abbiamo fatto al G20”

Mario Draghi ha poi fatto riferimento all’accordo raggiunto in occasione del G20 a Roma, dove gli Stati membri hanno concordato di dover limitare l’aumento della temperature ad 1,5 gradi.

Al vertice dello scorso fine settimana a Roma, gli Stati membri del G20 hanno concordato che dobbiamo limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi e si sono impegnati a raggiungere emissioni nette pari a zero entro la metà del secolo. Abbiamo deciso di intensificare le nostre azioni a partire da questo decennio, migliorare i nostri contributi nazionali determinati e interrompere il finanziamento pubblico internazionale del carbone entro la fine del 2021“.

Ora, qui alla COP26 dobbiamo andare oltre, molto più di quanto abbiamo fatto al G20. Dobbiamo accelerare il nostro impegno per contenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi. Dobbiamo basarci sull’accordo del G20 e agire in modo più rapido e deciso. Dobbiamo rafforzare i nostri sforzi nel campo dei finanziamenti per il clima“, ha aggiunto Mario Draghi.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 01-11-2021


Così il governo può prorogare lo stato di emergenza oltre il 31 dicembre…

Cop26, Draghi: “Sul clima la risposta non può essere di un singolo Paese”