Gualtieri a ‘Mezz’ora in più’: “Dobbiamo sconfiggere il virus per ripartire”.

ROMA – Intervenuto ai microfoni di Mezz’ora in più, il ministro Gualtieri ha aperto a possibili ulteriori provvedimenti più restrittivi per cercare di fermare la curva epidemiologica: “Per evitare un nuovo lockdown – ha detto il titolare del Mef, riportato dall’AdnKronos dobbiamo mettere in campo misure intermedie, anche dolorose. E’ inevitabile che tutto ciò comporti una reazione di frustazione, dobbiamo comprenderlo“.

Gualtieri: “Il nemico è il virus”

Il ministro Gualtieri ha fatto suo il concetto di Nicola Zingaretti, segretario del Pd: “Il nemico è il virus e fino a quando non sarà sconfitto non ci saranno prospettive di ripartenza“.

E sulle misure ha aggiunto: “Noi stiamo adottando provvedimenti con proporzionalità ed equilibrio, ma devono essere proporzionate allo sviluppo della pandemia. E’ inevitabile che di fronte a una seconda ondata è necessario mettere in campo ulteriori restrizioni e accompagnarle con il necessario sostegno economico“.

Roberto Gualtieri
Roberto Gualtieri

Gualtieri: “Abbiamo le risorse per ripartire”

Il ministro si è soffermato anche sulle prospettive economiche del Paese: “Abbiamo le risorse per ripartire. Persino se nel quattro trimestre ci fosse un calo del 4%, comunque non dovremmo cambiare la previsione del Pil perché calerebbe al 9%. L’impatto negativo ci sarebbe per il trascinamento sul trimestre successivo, ma il 2020 si chiuderebbe con il -9%. Abbiamo un margine persino per un quarto trimestre molto negativo. Noi speriamo che non sarà così, ma tutto dipenderà dall’evoluzione della pandemia e dalle misure che saranno prese per contrastarla“.

Noi dobbiamo fare tutto il possibile – ha aggiunto Gualtieri – per aiutare e continuare a perseguire la linea intrapresa: sostenere il più possibile l’economia e non lasciare indietro nessuno. Lo abbiamo fatto e credo che si sia visto nei risultati positivi. Adesso lo faremo nella misura in cui sarà necessario. La prospettiva di una ripresa ancora più forte di quella del terzo trimestre è davanti a noi. Ma siamo consapevoli di dover attraversare un periodo buio ma non sappiamo quanto durerà“.

Di seguito il video con l’intervista di Roberto Gualtieri


Il blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo. Crolla l’occupazione femminile

L’Italia sorride, cresce l’indice Pmi manifatturiero