Valentino Rossi al ‘Corriere della Sera’: “Non è stato Marquez l’avversario più forte che ho incontrato”.

ROMA – Lunga intervista per Valentino Rossi al Corriere della Sera. Il pilota di Tavullia ha toccato diversi argomenti iniziando dalla sua nuova avventura in MotoGP: “Corro perché penso di riuscire a vincere il decimo titolo. Non è un’ossessione. Sarei contento di fare bene, fare podi, essere protagonista in lotta. Vincere non è più una cosa semplice. Il livello si è alzato, i piloti sono molto forti. In questi anni ho avuto almeno tre occasioni per arrivare al titolo iridato, ma è sempre mancato un pelo. Qualche caduta di troppo e una moto non all’altezza dal punto di vista tecnico“.

“Marquez imperdonabile”

Un passaggio anche su Marc Marquez: “Credo che voler tornare presto dopo un’operazione non è mai conveniente […]. La Dorna dopo il rientro lampo di Lorenzo nel 2013 ha fissato dei paletti, ma con Marc sono tutti saltati e non sappiamo come mai […]. Dispiace per la sua assenza. Se guarirà sono certo che tornerà forte come prima, ma non è stato il pilota più forte che ho incontrato nella mia carriera […]“.

Non è mancato un accenno al 2015: “Quando successo in quella stagione non è perdonabile. Ho ancora le stesse sensazioni. Sono passati sei anni e non penso che in futuro possano cambiare […]“.

Rossi Valentino
Rossi Valentino

“Marini ha un enorme talento”

In questa lunga intervista Valentino Rossi ha parlato anche di Luca Marini, suo fratello e rookie in MotoGP: “Siamo molto diversi. Lui è una persona seria, ha un grande talento e ha creduto sempre nei propri mezzi. Mi aspetto che faccia molto bene, ma servirà del tempo per imparare bene la Ducati. Per chi farà il tifo mamma Stefania? Spero pe tutti e due, senza preferenze“. Una sfida in famiglia, quindi, per il Dottore in questo anno di MotoGP.


Tesla investe 1,5 miliardi in Bitcoin, la nuova scommessa di Elon Musk

Auto, aumenta il prezzo di benzina e diesel