Armin Laschet pronto a lasciare la leadership della Cdu. Il leader dei cristiano-democratici ‘paga’ il flop delle elezioni.

BERLINO (GERMANIA) – Armin Laschet sembra essere pronto a lasciare la Cdu. Secondo quanto riportato dalla stampa tedesca, il leader del partito dei cristiano-democratici nei prossimi giorni dovrebbe annunciare il passo indietro e convocare il congresso per eleggere il suo successore.

L’obiettivo è quello di dare vita ad un rinnovamento del partito per provare a guidare nuovamente il Paese. Le ultime elezioni, infatti, non hanno premiato la Cdu e la caccia al post Merkel è ancora aperta.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Il flop alle elezioni

Il passo indietro di Laschet sembra essere fortemente legato al flop delle elezioni. Il partito guidato dal successore di Angel Merkel ha ottenuto il 24,1% delle preferenze, un tonfo del 9% rispetto alle precedenti elezioni. Un risultato negativo che ha portato il nuovo leader a pensare alle dimissioni.

Un quadro non sicuramente positivo per un partito che negli ultimi anni ha dominato il panorama politico tedesco e che all’improvviso si è trovato senza guida e, soprattutto, a dover cedere la guida del Paese molto probabilmente ai socialdemocratici. Una sconfitta che molto probabilmente porterà la Cdu ad una rifondazione completa e su questo tema nei prossimi giorni potrebbero aprirsi un dibattito all’interno del partito.

Germania
Germania

L’addio di Merkel e le difficoltà per la Cdu

Non è un periodo sicuramente positivo per la Cdu. L’addio di Angela Merkel ha dato il via alla caccia del successore, ma al momento i risultati non sono entusiasmanti. Negli ultimi tre anni il partito ha cambiato due leader ed è alto il rischio di dover trovare a breve una terza guida.

L’obiettivo principale sarà quello di dare vita ad una vera e propria rifondazione per ripartire da zero e provare a riprendere la guida della Germania alle prossime elezioni.

ultimo aggiornamento: 07-10-2021


Confronto Salvini-Draghi, il leader della Lega: “Proposte e soluzioni condivise”

Scuola, Bianchi: “Entro novembre pronti bandi per 5 miliardi”