Emergenza coronavirus, qual è la posizione del Governo Draghi su un nuovo lockdown nazionale? Si rischia davvero una nuova chiusura?

In questo mese di marzo, a tre mesi dall’inizio della campagna di vaccinazione, in Italia si torna a parlare di lockdown e Super Zona Rossa. La diffusione delle varianti del Covid preoccupa il governo e gli esperti e secondo molti la terza ondata è iniziata. I casi giornalieri si aggirano intorno ai 20.000 e i decessi continuano ad essere tanti, troppi. Una nuova chiusura a livello nazionale sortirebbe un effetto solo se si procedesse con una chiusura come quella disposta durante la prima fase dell’emergenza sanitaria. Altri tempi e altro esecutivo alla guida del Paese. Ma qual è la posizione del governo Draghi su un nuovo lockdown nazionale?

La posizione del governo Draghi su un nuovo lockdown

All’inizio del mese di marzo, fonti del governo assicurano che quella del lockdown nazionale (in stile marzo 2020 per intenderci) non è al vaglio del governo. Nonostante le voci e le indiscrezioni che si rincorrono, la chiusura dell’Italia non è all’ordine del giorno e non è considerata necessaria. La situazione epidemiologica potrebbe richiedere un nuovo intervento restrittivo, ma non ci sono le condizioni per chiudere tutto. Quella del lockdown nazionale è l’ultima carta da giocare. Gli effetti economici e sociali sarebbero drammatici e per questo motivo il governo vuole fare di tutto per evitare il ricorso a questa soluzione. In poche parole il discorso è lo stesso di qualche mese fa: il lockdown potrebbe essere utile ma non è sostenibile.

Mario Draghi
Mario Draghi

Nuove misure restrittive

Nuove misure restrittive sono invece probabili. Il Comitato Tecnico Scientifico ha indicato al governo alcune soluzioni.

Si parla del passaggio automatico in zona rossa per le zone con più di 250 casi ogni 100.000 abitanti sui sette giorni. Inoltre si valutano chiusure nel corso dei fine settimana come fatto durante il periodo di Natale. Infine non si esclude che possano essere rafforzate le regole anche in zona gialla.

La Super Zona Rossa

Con ogni probabilità, quindi, il governo non farà ricorso alla Super Zona Rossa, ossia alla chiusura dell’Italia per tre o quattro settimane per concentrarsi esclusivamente sulla campagna di vaccinazione.

TAG:
coronavirus governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 10-03-2021


Lotta al Covid, chiusure nel fine settimana e regole più rigide (anche in zona Gialla)

Vaccino Covid, in Italia 532.000 dosi aggiuntive entro fine marzo