Coronavirus, il dibattito: le mascherine chirurgiche sono efficaci contro le varianti del Covid? Cosa sappiamo.

Con il considerevole aumento dei contagi legati alla diffusione delle varianti del coronavirus, torna alla ribalta il tema delle mascherine dopo il ministro francese della Salute ha fatto sapere che le mascherine di stoffa sarebbero meno efficaci se non addirittura inefficaci contro le varianti del Covid. Che i dispositivi di stoffa non siano i più sicuri sostanzialmente è un dato certo. Se siano addirittura del tutto inefficaci ancora no. Ma al di là della mascherina di stoffa ce n’è un’altra particolarmente diffusa, quella chirurgica. Questa è efficace contro le varianti del Covid?

Emergenza coronavirus, le mascherine chirurgiche sono efficaci contro le varianti del Covid?

Partiamo da un punto fermo. La ricerca è in continuo sviluppo e gli studi sul coronavirus (e dintorni) continuano a moltiplicarsi e cambiano prospettiva con il passare delle settimane e dei mesi. Ora ci troviamo di fronte ad un dato certo. Circolano diverse varianti del Covid che sono caratterizzate da una maggiore velocità di trasmissione. Di fronte a queste varianti le mascherine di stoffa non sarebbero efficaci. O comunque garantirebbero una protezione minima, forse insufficiente.

Per quanto riguarda invece le mascherine chirurgiche, in base alle evidenze scientifiche a disposizione, possiamo dire che restano il punto di riferimento principale per la popolazione. Se indossate nel modo corretto e se si rispettano le norme sulla distanza tra le persone, le mascherine chirurgiche proteggono anche dalle varianti del Covid.

È bene specificare che a differenza di quanto avvenuto in altri Paesi, l’Italia non ha vietato l’uso delle mascherine di stoffa. Al momento quindi sono dispositivi di protezione regolarmente utilizzabili a norma di legge. Altri Paesi hanno deciso di alzare l’asticella disponendo l’utilizzo della FFP2.

Mascherine chirurgiche coronavirus
Mascherine coronavirus

Qual mascherina protegge di più dal Covid?

In effetti la FFP2 è la mascherina più sicura, quella che in un primo momento era stata destinata ad uso medico, mentre per la popolazione era stata indicata la mascherina chirurgica. Quindi la FFP2 era stata consigliata a soggetti a lungo esposti con pazienti positivi al Covid. Ad oggi è considerato il miglior strumento di protezione individuale consigliato soprattutto nei luoghi chiusi dove non è sempre possibile rispettare la distanza tra le persone. Ma per un uno standard, come abbiamo visto, la mascherina chirurgica ci protegge. Ovviamente deve essere indossata nel modo corretto, coprendo sia il naso che la bocca.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 24-01-2021


‘Ndrangheta, indagato un collaboratore di Arcuri. M5s: “Il commissario chiarisca”

Arrestato a Amsterdam Tse Chi Lop, “El Chapo” asiatico